Facebook Pixel
Bambino

Assistenza all'infanzia in Svizzera: famiglie al limite

Molti genitori non hanno la possibilità di scegliere una Kita secondo il loro concetto pedagogico. Sono felici di trovare un posto Kita a prezzi accessibili. Perché l'assistenza all'infanzia in Svizzera è costosa rispetto ad altri paesi.

Asilo nido Svizzera: le famiglie soffrono per i costi dell'asilo nido

L'assistenza ai bambini in Svizzera è più costosa che all'estero. Foto: Jupiterimages, Stockbyte, Thinkstock

Molti genitori in Svizzera si lamentano del costo elevato degli asili. È vero che in quasi tutte le istituzioni pubbliche le rette dell'asilo per i bambini che non frequentano ancora l'asilo obbligatorio dipendono dal reddito. Ma i genitori con redditi medi e superiori si trovano di fronte a tariffe giornaliere fino a 150 franchi. In particolare, i costi dipendono da quanti giorni e quante ore il bambino frequenta l'asilo nido o la scuola materna e quanti fratelli ha. Inoltre, i costi differiscono da cantone a cantone.

Costi di assistenza ai bambini in Svizzera: Esempio Zurigo

La città di Zurigo sviluppa sul suo sito web il seguente esempio di assistenza familiare supplementare per i bambini: "I genitori sono sposati e hanno due figli. Un bambino frequenta l'asilo nido due giorni interi alla settimana (posto sovvenzionato disponibile)" In questo caso, il calcolo mostra che con un reddito imponibile di 80.000 franchi svizzeri, il contributo dei genitori per giorno e bambino è di circa 70 franchi svizzeri.

Un terzo del reddito familiare per il Kita

In media, i genitori in Svizzera devono spendere circa un terzo del loro reddito per un posto in un asilo. Questa è stata la conclusione di uno studio condotto dall'Università di San Gallo nel 2013. Ciò significa che i genitori in Svizzera pagano il doppio del loro reddito familiare per la cura dei bambini rispetto ai genitori dei 24 paesi europei di confronto nello studio. La ragione non è l'aumento dei costi operativi. Un confronto dei costi che il Consiglio federale aveva elaborato ha mostrato che i costi di gestione sono circa gli stessi che in Germania, Francia e Austria. Ma lo Stato chiede semplicemente ai genitori svizzeri di pagare di più. Il rapporto del Consiglio federale afferma che la tariffa massima in Svizzera corrisponde di solito ai costi pieni, mentre nei paesi vicini le tariffe massime sono massicciamente inferiori ai costi pieni.

Remo Largo: la Svizzera investe poco nella famiglia

"I paesi scandinavi spendono in media il quattro per cento del loro prodotto interno lordo per la famiglia. La Svizzera solo l'1,6%. Cosa è più importante per noi, la famiglia e i bambini o i contadini e la riorganizzazione delle banche?" ha chiesto provocatoriamente il pediatra svizzero e autore di saggistica Remo Largo in un'intervista al Tagesanzeiger. Egli denuncia: "In termini di assistenza all'infanzia, la Svizzera è un paese in via di sviluppo rispetto ai paesi progressisti del Nord Europa".

Richieste di più soldi per le famiglie

Bisogna fare di più per le famiglie, secondo più del 50% della popolazione svizzera, secondo il barometro delle famiglie della rivista per genitori "Fritz+Fränzi". Più di un terzo delle famiglie considera insufficiente l'assistenza all'infanzia in Svizzera. Una famiglia su cinque ritiene che gli assegni familiari siano troppo bassi. Inoltre, c'è un desiderio pronunciato di benefici fiscali più redditizi per le famiglie. La politica del PS e consigliera nazionale Jacqueline Fehr chiede da anni un anno di pre-asilo gratuito, in modo che un bambino possa frequentare un asilo o un gruppo di gioco in tenera età. Remo Largo: "Per me, gli asili nido fanno parte del sistema educativo, i costi dovrebbero essere in gran parte coperti dallo Stato".

Assistenza all'infanzia in Svizzera: la Svezia come modello

La Svezia ha già esentato i genitori dagli alti costi dell'asilo nido per decenni. Lì, un'offerta attraente di assistenza all'infanzia è stata creata già negli anni '60 per attirare le donne nel mercato del lavoro. "Oggi, il mercato del lavoro svedese si basa ancora sulle donne", ha riferito la rivista Migros. "Più dell'80% dei bambini svedesi tra uno e cinque anni frequentano la scuola materna". I comuni che vogliono far pagare i genitori non possono far pagare più di 152 franchi al mese se il bambino frequenta l'asilo dal lunedì al venerdì.

La città di Lucerna percorre una nuova strada

Anche in Svizzera è possibile aprire una nuova strada. Un esempio è la città di Lucerna. Il concetto, introdotto definitivamente nel 2013, si chiama "voucher per l'assistenza all'infanzia". Con esso, sostiene direttamente i genitori di bambini in età prescolare, invece di sovvenzionare le strutture come prima per offrire tariffe ridotte. Il contributo che i genitori ricevono è un massimo di 80 franchi per bambino al giorno. I prerequisiti sono che padre e madre lavorino insieme almeno il 120 per cento e i genitori single il 20 per cento. Inoltre, il reddito annuo congiunto non deve superare i 120.000 franchi. "Questo cambiamento da oggetto a soggetto di finanziamento nell'assistenza all'infanzia extra-familiare ha aumentato significativamente il numero di posti di assistenza all'infanzia negli ultimi anni", ha riferito la NZZ. Attualmente, quasi un bambino su tre in età prescolare nella città di Lucerna frequenta un asilo nido o una scuola materna. "Anche l'offerta di doposcuola per i bambini in età scolare sta incontrando un interesse crescente. Attualmente, il 26 per cento dei bambini dell'asilo e della scuola primaria approfitta dell'offerta di assistenza scolastica supplementare". Diversi comuni svizzeri hanno già seguito l'esempio.