Facebook Pixel
Bambino

Bambini, siete così estenuanti!

I genitori sono autorizzati ad ammettere apertamente che anche i figli sono estenuanti. Quale fase dello sviluppo è più stressante: la prima infanzia, la fase infantile o gli anni della scuola? Sei madri parlano delle loro esperienze e spiegano cosa le ha aiutate durante le fasi difficili.

I bambini a volte possono essere molto estenuanti.

Anche fare il genitore può essere un deserto a volte. Ma quando i bambini sono estenuanti, di solito è anche una fase che passa di nuovo. Foto: Josh Willink - Pexels

Anche se molti genitori in attesa si preparano a un periodo stressante con il bambino, sono sorpresi di quanto possa essere impegnativo un bambino che piange e non dorme. Alcuni sono ancora più sorpresi quando il bambino entra nella fase di sfida, si getta sul pavimento piangendo e ancora non dorme tutta la notte. Non avevano immaginato che la vita con un bambino fosse così faticosa. Ci sono anche fasi di sviluppo difficili in seguito: iniziare l'asilo e la scuola è un grande adattamento per molti bambini. Durante la pubertà, genitori e figli spesso si scontrano. Anche questo può essere snervante.

Ma ciò che è bello può anche essere faticoso. Abbiamo chiesto alle madri e ai blogger svizzeri quando i loro figli sono più stressanti e cosa li ha aiutati nei momenti difficili.

Heidi di theswissmiss.ch: "Ho dovuto imparare che va bene non avere sempre tutto sotto controllo".

"Per me personalmente, i primi sei mesi con il mio primo figlio sono stati i più stressanti. In primo luogo, perché io stessa ero molto insicura e avevo costantemente paura di fare qualcosa di sbagliato, e in secondo luogo, perché mio figlio aveva spesso mal di pancia e quindi non dormiva per notti intere. In generale, il passaggio dal lavoro al 100% alla madre al 100% non è stato così facile per me come pensavo. Ho dovuto imparare che va bene non avere sempre tutto sotto controllo. Ho avuto anche un grande sostegno dalla mia famiglia, che mi è stata vicina con le parole e con i fatti.

Il mio miglior consiglio è in realtà quello di non ascoltare i consigli degli altri - perché in primo luogo le cose non accadono e in secondo luogo le cose non accadono come previsto. Prima della nascita, avevo letto molto sul tempo con un neonato e pensavo di sapere cosa stavo facendo. Ma poi tutto è andato diversamente e i consigli benintenzionati di altre madri mi hanno dato sui nervi. Un amico mi ha dato il libro "Ogni bambino può imparare a dormire". L'intero concetto - "Lascia che il bambino pianga qualche volta e non prenderlo sempre in braccio subito" - mi ripugnava. Dopo solo una settimana, ho rinunciato di nuovo perché ero seduta sul divano a piangere con l'orologio in mano e pensavo che ora avrei dovuto aspettare cinque minuti come descritto nel libro fino a quando mi fosse stato permesso di calmare il bambino che piangeva. Solo quando ho imparato ad ascoltare i miei istinti mi sono sentita meglio e, stranamente, anche mio figlio. Da allora, trovo che essere madre sia per la maggior parte molto bello e appagante, e non mi lascio più scuotere così rapidamente".

Heidi scrive sul blog theswissmiss.ch su ciò che la muove e la occupa personalmente come madre single. Vive vicino a Basilea con i suoi due figli di dieci e tredici anni. Sul suo sito si possono anche ordinare le LoveNotes di Heidi, cartoline con messaggi positivi per gli scolari.

Miriam di themama: "Non leggere tanta letteratura tecnica".

"Il primo anno è il più faticoso. I bambini dormono molto, ma ci vogliono alcuni mesi perché la digestione si regoli e perché tu conosca meglio il bambino. Trovo anche noioso il passaggio dall'allattamento al seno, al porridge, al cibo solido. Vi consiglio, ogni volta che diventa faticoso, di dire questa frase ad alta voce a voi stessi più volte: è solo una fase! Perché alla fine queste fasi estenuanti finiranno. I miei consigli: Non leggere tanta letteratura tecnica, stai calmo e ascolta il tuo istinto. Sono contento di non aver letto nessuna guida. Perché mi farei solo impazzire. Ogni bambino è diverso ed è per questo che è inutile fare paragoni con altri bambini che possono fare questo o quello prima o meglio. Se lasciate che il bambino vada al suo ritmo, si risolverà da solo".

Miriam scrive su themama.ch della sua famiglia, delle sue esperienze come mamma. Ha 31 anni, vive in un villaggio del Mittelland svizzero ed è sposata da poco più di una mezza dozzina d'anni. Alla fine di luglio 2012, è diventata mamma da un giorno all'altro con il topo July "Nanna" e a metà aprile 2014, si è unita a loro April bean "Sia". Da allora, i quattro si godono la loro felicità familiare.

Julia di fraujuliusnaeht: "La privazione del sonno combinata con una vita quotidiana impegnativa è una delle cose più stressanti".

"Al momento trovo molto stancante la combinazione di un bambino sfiduciato e di un bambino di cinque anni molto sicuro di sé. Quindi siamo nel bel mezzo di questo momento. A parte questo, i tre mesi dopo la nascita della seconda figlia mi hanno portato via molto. Doveva essere trasportata spesso e si svegliava ogni due ore durante la notte. Oltre alla sfida nervosa, sono arrivato anche vicino all'esaurimento fisico. Semplicemente non avevo più forza per portarla per ore. Anche adesso, a più di due anni, dorme piuttosto male, quasi ogni notte sono sveglio almeno una volta. Penso che la privazione del sonno combinata con una routine quotidiana impegnativa sia una delle cose più estenuanti di tutte.

Con la figlia grande, stabilire e mantenere dei limiti è molto faticoso. In questa fase di chinsdgi, ci sono anche conflitti con i coetanei e diversi punti di vista delle madri. Lo trovo una sfida perché è nuovo per noi. Trovo anche che il rumore della nostra vita quotidiana sia molto estenuante. Le nostre figlie sono molto vocali, amano anche i suoni ad alta frequenza.

Ciò che mi aiuta a superare questo periodo è soprattutto prendermi cura di me stessa. Anche prima che nascesse la mia prima figlia, le donne più anziane mi hanno dato un consiglio che seguo ancora oggi: fare una pausa pranzo. I bambini ne hanno comunque bisogno e io ancora di più. Sono molto severo su questo, quell'ora è mia. La grande ama ritirarsi per un po' e giocare indisturbata nella sua stanza. Lo sa bene: la mamma è sul divano durante questo periodo e fa una pausa. Continuo a sentire da amici che usano la pausa pranzo dei bambini per riordinare la cucina, pulire il bagno, pulire il pavimento. Ma difficilmente hanno la possibilità di ricaricare le loro batterie. Perché quando il pavimento è pulito, il pisolino del bambino è finito e la vita quotidiana li ha di nuovo in pugno. Sopporto molto bene un tavolo da pranzo sporco, e ho ancora tempo per pulire dopo. Anche mio marito è di grande aiuto con i bambini. Se ho dovuto alzarmi un paio di volte durante la notte, lui si occupa di vestire i bambini e di preparare la colazione al mattino.

Julia offre vestiti cuciti a mano per neonati e bambini su fraujuliusnaeht. Scrive anche sul suo blog di notizie dalla sua stanza da cucito e di cose belle e creative della sua vita quotidiana. Le sue figlie hanno cinque e due anni. Vivono a Züri Wyland.

Karin da lutz-bommer.blogspot.ch: Tempo estenuante con i bambini della scuola

"Abbiamo quattro figli, abbastanza vicini per età. C'è stato un anno in cui tutti e quattro erano a casa. Abbiamo usato pannolini di stoffa, cucinato il nostro porridge, allattato al seno per un anno e i nostri figli non hanno mai dormito bene. È stata una grande sfida, soprattutto in termini di energia, nervi e mancanza di sonno. Ma in retrospettiva, è stato meraviglioso.

Al momento i nostri figli frequentano sia la scuola che l'asilo e sento che altre cose sono di nuovo rigide. Non posso più semplicemente vestire i miei figli e portarli nel bosco quando sento che ne abbiamo urgente bisogno. Sono controllata dagli altri e coordino gli appuntamenti, ho sempre l'occhio sull'orologio a casa per non dimenticare mai di mandare un bambino in orario o di prenderlo a casa. Leggo costantemente le lettere dei genitori e le date della scuola per sapere quando si svolge qualcosa e quando devo dare qualcosa ad ogni bambino o se deve essere vestito in modo speciale. Ci vuole molta organizzazione, disciplina e visione d'insieme. È estenuante in un modo diverso.

Presto inizierà la fase della pubertà, che sarà certamente un'altra sfida. Ma comunque: trovo meraviglioso poter vivere tutte queste fasi con i bambini. Mi sono goduta la fase del bambino, tutte le coccole e così via, e ora questa fase è finita e sono felice dei miei figli, che sono già di nuovo grandi, con i quali posso discutere, discutere e parlare di Dio e del mondo. Posso dire: "Vestiti, andiamo in gita" e loro si vestono da soli. Posso visitare di nuovo luoghi più impegnativi come i musei.

Ho sempre tratto energia dai bambini stessi. Guardarli e rendersi conto di quanto si è fortunati ad avere avuto dei bambini così, delle creature così meravigliose, che devono solo sorriderti e tutta la stanchezza, tutta la rabbia se ne va".

Su lutz-bommer.blogspot.ch Karin scrive sul blog della sua famiglia per parenti e amici lontani. Le recensioni mensili come galleria fotografica sono particolarmente belle. I suoi figli, tre femmine e un maschio, hanno 5, 7, 8 e 9 anni. La famiglia vive in un piccolo villaggio di montagna nei Grigioni. Suo marito e lei lavorano entrambi part-time, lei nell'istruzione, lui è un informatico.

Nikola di lolabrause.ch: "Fa male perché come genitore devi imparare a lasciare andare".

"Ogni età ha gioie e insidie. Sono madre di due ragazzi (16 anni e 7 anni) e trovo l'età di mio figlio maggiore molto stressante al momento, poiché il processo di crescita di un pubescente è definitivamente finito. Come genitore, puoi solo sperare di aver fatto tutto bene in passato e devi costruire la fiducia che il bambino diventerà anche qualcosa di decente. Tutte le misure educative che si possono usare con i bambini piccoli, come "Se non sei bravo, non avrai il dolce" non sono assolutamente valide con un quasi adulto. Eppure, è bello potersi incontrare all'improvviso all'altezza degli occhi. Ma fa male, perché come genitori bisogna imparare a lasciare andare. Il bambino è cresciuto e va per la sua strada. È per questo che personalmente devo sempre sorridere quando parlo con le madri i cui figli sono ancora piccoli e che si lamentano della fase di sfida dei loro figli.

Trovo sempre difficile dare consigli. Devo pensare alla mia prima ostetrica, che ha detto una cosa molto bella. Dopo che le ho chiesto delle guide per genitori e dei libri sull'allattamento, mi ha detto: "Non hai bisogno di tutto questo, ascolta il tuo cuore! Ecco perché cerco di essere molto intuitiva con i miei ragazzi, e di solito funziona abbastanza bene.

Insieme a Ece Widmer, Nikola Sprung gestisce un calendario online di eventi per bambini su lolabrause.ch. La designer della comunicazione è madre di un bambino di sette anni e di una sedicenne e vive a Zurigo da otto anni.

Deborah di mamaleone.ch: "Siamo lentamente ma sicuramente nella fase no-no-no".

"Mia figlia ha 20 mesi. Dopo essere sopravvissuti bene ai primi mesi di privazione del sonno, siamo lentamente ma sicuramente nella fase no-no-no. Spesso noi genitori riusciamo a guardare tutto questo con un sorriso e a sopportarlo. Ma a volte è semplicemente estenuante. Personalmente, però, ritengo che questa fase sia un capitolo importante nella formazione del carattere di una persona. Voglio permetterle questo e darle il tempo di diventare pienamente se stessa. Io e mio marito siamo seguaci di Positive Parenting. Questo significa che vogliamo essere genitori che parlano molto di cose positive e che si concentrano sulle cose buone e che sono anche un modello.

Trovo difficili le seguenti situazioni:

  • Interazioni in cui né i genitori né il bambino sono felici.
  • Situazioni in cui tutti sono tesi e mancano di energia, per esempio durante la stagione dell'influenza.
  • Momenti in cui un individuo è venuto meno. A volte è anche difficile essere presenti per tutti.
  • Situazioni impegnative in cui il bambino funge anche da catalizzatore. Per esempio, una giornata stressante in ufficio, a casa la moglie che ha avuto anche lei una giornata stressante sta brontolando, ai bambini non piace il cibo e così via.

La mia sensazione personale è che ogni periodo di sviluppo sfida i genitori (e anche il bambino) a modo suo. Ogni fase è bella e faticosa allo stesso tempo. Onestamente, ho dovuto abituarmi ad avere un nuovo ritmo di sonno dettato da me. Ora non so altro.

I miei consigli per i momenti difficili con i bambini:

  • Fai un respiro profondo e conta fino a dieci (opzionalmente cinque) poi rispondi a quello che sta succedendo (spesso urlando).
  • Mettersi nei panni del bambino - Cosa c'è di così difficile per il bambino in questo momento? L'empatia aiuta incredibilmente.
  • Una piccola distrazione. Non penso che sia il modo giusto per fare tutto, ma spesso abbiamo un problema con il vestirsi qui e un breve video su YouTube di Frozen o Il Re Leone fa meraviglie.
  • Spesso un semplice abbraccio aiuta. A volte ci vuole un po' di sforzo (fuori dall'argomento). Basta provare.
  • Incontrare e scambiare con persone che la pensano come te.
  • Accetta l'aiuto! Prima di non poterne più. Consiglio a tutti coloro che hanno un buon confidente di accettare con gratitudine un piccolo aiuto da questa persona. Che sia per un'ora per andare dal parrucchiere, un'ora di sonno o qualcuno che ti aiuti a piegare il bucato.
  • Rendetevi conto che il bambino non dipenderà sempre da voi. Ci sono buone probabilità che lui o lei non lo voglia più quando avrà 20 anni.
  • Mostrate e spiegate al bambino quando non potete più farlo da soli. Noi genitori possiamo essere supereroi, ma ci è anche permesso avere delle debolezze e mostrarle. Spesso i bambini capiscono allora cosa sta succedendo.
  • Crea delle isole per te stesso. Pensare a se stessi mentre si è genitori fa bene. Fai qualcosa di buono per te stesso quando i bambini dormono. Genitori felici hanno figli felici.

Logo Luna, Mare e NoiDeborah Shkodra è una blogger di lifestyle e mamma. Su moonseaandwe.com scrive delle cose belle della vita e dà ispirazione per essere un genitore. Con suo marito e la loro figlia di quasi due anni, vive qua e là, attualmente nella campagna della Svizzera centrale.