Facebook Pixel
Bambino

Costantemente sullo smartphone: mio figlio è forse dipendente dai telefoni cellulari?

Il bambino torna a casa da scuola, saluta brevemente, poi sprofonda nella sua stanza e nel mondo degli smartphone per ore. "Mio figlio è dipendente dai telefoni cellulari?" si chiedono i genitori. Come riconoscere la dipendenza da telefono cellulare e cosa consigliano gli esperti.

Il cellulare come compagno costante: un giovane guarda direttamente il suo smartphone dopo la scuola.

Il telefono cellulare come compagno costante: se si abbandona tutto il resto e si guarda solo il proprio smartphone, questo è un indice di dipendenza da telefono cellulare, secondo gli esperti. (Foto: Danilo Andjus/iStock, Getty Images Plus)

Sembra che gli adolescenti abbiano quasi sempre uno smartphone in mano - sul treno, al bar o a casa. Infatti, passano molto tempo con smartphone, tablet e simili. Gli adolescenti svizzeri passano due ore e mezza al giorno a guardare i loro smartphone. Nel fine settimana sono addirittura tre ore. Questo è il risultato dello studio JAMES pubblicato dall'Università di Scienze Applicate di Zurigo (ZHAW) all'inizio di novembre 2018. Lo smartphone, che secondo lo studio quasi il 99 per cento dei giovani possiede, offre la possibilità di essere online quasi ovunque.

Il telefono cellulare non ha solo lati negativi

Il punto cruciale dello smartphone: i dispositivi sono ormai onnipresenti e offrono - a giovani e adulti - molte comodità che facilitano la vita. Di conseguenza, non è più possibile immaginare la vita quotidiana senza di loro. E aprono possibilità completamente nuove; per esempio, nel modo in cui ci si può esprimere creativamente, o anche in termini di comunicazione.

Non sorprende quindi che la maggior parte dei giovani di oggi usi il proprio smartphone principalmente per comunicare con amici e compagni di classe, da soli o in chat di gruppo. Il cellulare è anche molto usato per scaricare e ascoltare musica. Secondo lo studio di James, i giovani usano più frequentemente lo smartphone per la comunicazione tramite app di messaggeria, come orologio e come lettore musicale. Le app più popolari al momento dello studio di James erano Snapchat, Whatsapp, Instagram e Youtube.

Il 7-8,5% dei giovani mostra un comportamento problematico nell'uso di internet; l'11,5% mostra un comportamento rischioso.

Tuttavia, l'accesso costante a Internet nasconde anche dei pericoli. "Una dipendenza può svilupparsi, e come per qualsiasi altra dipendenza, il passaggio dall'uso senza problemi all'uso problematico e alla dipendenza è fluido", avverte la Fondazione svizzera per le dipendenze a proposito della dipendenza da telefono cellulare.È proprio a causa delle diverse funzioni combinate nei dispositivi e dei grandi gadget che il rischio di dipendenza è grande. "Il cinque per cento dei giovani svizzeri tra i 12 e i 19 anni può essere descritto come dipendente dal telefono cellulare", ha riconosciuto la ZHAW nel 2012 nel suo studio "Handygebrauch der Schweizer Jugend - Zwischen engagierter Nutzung und Verhaltenssucht". La Youth and Media Association scrive che dal 7 all'8,5% dei giovani mostra un comportamento problematico nell'uso di internet; l'11,5% mostra un comportamento rischioso.

I giovani che trovano difficile raggiungere gli altri e mantenere le amicizie sono particolarmente a rischio, hanno avvertito gli autori dello studio JAMES. Invece di cercare amici nella vita reale, si rivolgono ai social network virtuali per provare un senso di connessione e di appartenenza. "I problemi emotivi sembrano essere più facili da superare con il gioco e su internet", spiega Youth and Media, la piattaforma nazionale per l'alfabetizzazione mediatica. La dipendenza da smartphone spesso attanaglia i giovani con una bassa autostima. Tra le altre cose, possono essere legati ai loro smartphone da giochi per computer che danno loro facilmente un rapido senso di realizzazione.

Come riconoscere la dipendenza da telefono cellulare

Al più tardi, quando i bambini preferiscono stare seduti nella loro stanza sui loro smartphone anche durante le vacanze senza incontrare amici veri, i genitori dovrebbero diventare attenti e pensare a una possibile dipendenza da cellulare.

Tuttavia, la durata del tempo che un bambino trascorre con lo smartphone non è decisiva per una dipendenza da cellulare. È molto più importante se una persona mantiene comunque amicizie reali, affronta conflitti reali ed è in scambio attivo con il suo ambiente, ha detto Franz Eidenbenz, capo del Centro per la dipendenza dal gioco di Zurigo, al programma "Einstein" della televisione svizzera SRF. Se questo è il caso, l'aumento del consumo di smartphone non è critico.

Segni di dipendenza da telefono cellulare

  • Il telefono cellulare diventa indispensabile
  • L'utente perde il controllo sull'uso del telefono cellulare; tirare fuori lo smartphone diventa una routine
  • Il telefono cellulare viene usato anche in situazioni inappropriate
  • La persona ha sempre meno contatti reali e preferisce comunicare via cellulare
  • Lo smartphone viene utilizzato per la stabilizzazione mentale, ad esempio per tirarsi su o per alleviare lo stress

Conseguenze a lungo termine della dipendenza da smartphone negli adolescenti

  • Declino del rendimento scolastico
  • Ritiro sociale
  • Stanchezza eccessiva a causa della mancanza di sonno
  • Trascurando il contatto con i coetanei
  • Mancanza di interesse in altre attività del tempo libero

(Fonte: "Giovani e media", Piattaforma nazionale per la promozione delle competenze mediatiche)

Vie d'uscita dalla dipendenza dal telefono cellulare

1 Comunicare le preoccupazioni al bambino

Non è sempre facile avere una conversazione con il bambino. Gli adolescenti in particolare resistono spesso al paternalismo dei loro genitori. Marshall B. Rosenberg, psicologo americano e autore di numerosi libri sulla comunicazione non violenta, raccomanda antipasti di conversazione come questo per tali situazioni: "Da quando sei tornato a casa da scuola oggi, hai passato tutto il tempo sul tuo cellulare. Questo mi preoccupa. Voglio che trovi più tempo per altre cose come gli hobby, lo sport e la scuola. Per favore, pensiamo insieme a quando potete spegnere il cellulare. ..." Secondo Rosenberg, è così che si può iniziare una conversazione senza rimproveri.

2 Trovare regole comuni

Quando si tratta di sviluppare regole sull'uso del cellulare, l'ascolto fa miracoli. È stato trovato un compromesso? Kirsten Boie, insegnante e autrice, consiglia nel suo libro "Cosa fare quando il criceto tira le cuoia?", che ha scritto insieme agli esperti di genitorialità Jesper Juul e Katharina Saalfrank, di mettersi d'accordo prima su una prova. Questa prova può poi essere discussa - dopo una settimana, per esempio. I genitori e il bambino sono soddisfatti? Dove sono utili i miglioramenti?

3 Essere un modello di ruolo

I genitori che usano molto e con piacere il cellulare e il computer difficilmente riusciranno a convincere i loro figli a perseguire altre attività di svago. "Il vostro consumo di TV o il vostro uso di Internet influenzano gli atteggiamenti e il comportamento dei vostri figli", dice la Stiftung Sucht Schweiz, chiarendo il problema. Forse la famiglia vorrebbe provare insieme l'esperimento del "telefono cellulare veloce"? Il Centro di prevenzione delle dipendenze di Zurigo Oberland, per esempio, vi invita a fare anche questo: "Immaginate i vostri bambini e adolescenti di trascorrere il loro tempo libero senza WhatsApp, Google, serie, giochi e co. I ragazzi saranno stupiti di quanto tempo si è improvvisamente liberato!" scrive il centro di prevenzione delle dipendenze sulla sua settimana progetto "Flimmerpause".

Mentre nel cantone di Lucerna un progetto del genere viene portato avanti da dieci anni, il centro di consulenza sulle dipendenze Zürcher Oberland ha osato provare per la prima volta la "pausa sfarfallio" nel 2016. Cinque classi di scuola primaria, quattro studentesse individuali, una classe di scuola secondaria e una casa della gioventù hanno partecipato all'esperimento. Mentre la maggior parte dei visitatori del centro giovanile partecipante è rimasta lontana dal progetto, alcuni giovani si sono espressi positivamente sulla pagina del progetto: "Potrebbe dormire bene. Era stranamente tranquillo. I miei genitori leggevano", ha detto un giovane. Un altro conclude che leggerà ancora. "A volte mi dimentico di leggere", dice. Classi, famiglie, gruppi di amici o gruppi di giovani possono iscriversi al progetto.

4 Offrire alternative

I genitori dovrebbero considerare quali attività potrebbero suggerire ai loro figli per riempire il loro tempo libero. "Il nostro compito come genitori è quello di rimanere in dialogo con i nostri adolescenti per quanto riguarda i loro interessi in tutti i settori della vita - sia in termini di media che di ciò che accade a scuola e nel loro tempo libero", raccomanda la guida per genitori "Step - Living with Teenagers". Secondo gli autori, è fondamentale offrire loro delle alternative all'uso dei media. Queste possono essere attività di svago come lo sport, la cultura o l'impegno sociale, che possono essere pianificate insieme come famiglia. Chi ama stare all'aperto potrebbe, per esempio, costruire una casa sull'albero, fare ungiro di geocaching o semplicemente giocare una partita di calcio. I suggerimenti per le attività con i bambini più piccoli possono essere trovati qui.

5 Quando le preoccupazioni rimangono

A volte le preoccupazioni rimangono nonostante tutti gli sforzi per motivare il bambino ad impegnarsi in vere attività di svago. "Se vi accorgete che non state andando da nessuna parte insieme, non esitate a chiamare un supporto", consiglia la Fondazione svizzera per le dipendenze. Centri specializzati per problemi di dipendenza, centri di consulenza per giovani, centri di consulenza educativa e psicologi possono aiutare. "Potete cercare sostegno insieme a vostro figlio o da soli.

Lo studio JAMES

Gli esperti dell'Università di Scienze Applicate di Zurigo (ZHAW) studiano regolarmente dal 2010 l'uso dei media da parte dei giovani in Svizzera. A questo scopo, vengono intervistati più di 1000 giovani tra i 12 e i 19 anni delle tre grandi regioni linguistiche della Svizzera. I risultati della ricerca vengono pubblicati ogni due anni. Gli studi rappresentativi hanno un focus diverso ogni volta.

Una panoramica dei risultati degli ultimi anni può essere trovata qui:studio JAMES