Facebook Pixel
Bambino

Quando il bambino colpisce: consigli su come i genitori possono rimanere al comando

Rompere, infuriare, sbraitare: i capricci sono normali, ma cosa succede se un bambino colpisce i suoi genitori? Denise Tinguely, psicologa e direttrice del programma STEP per genitori, spiega in un'intervista come i genitori possono reagire quando la situazione degenera e dà consigli su come affrontare i bambini esigenti e provocatori.

Cosa fare quando il bambino colpisce e fa male?

Anche i bambini piccoli possono divertirsi. I genitori devono imparare a interpretare correttamente i segnali. Immagine: GettyImages, Rouzes

Alcuni bambini si arrabbiano e infuriano per ottenere ciò che vogliono. Altri insultano, mordono o colpiscono i loro genitori. Molti genitori si sentono terrorizzati e provocati dai loro figli. I bambini vogliono deliberatamente infastidire i loro genitori?

Denise Tinguely: I bambini vogliono fondamentalmente il riconoscimento e l'attenzione dei loro genitori. Tuttavia, nel bambino possono sorgere opinioni sbagliate. I genitori spesso non capiscono il comportamento dei loro figli, pensano che sia terrore psicologico e reagiscono in modo indignato, il bambino si sente rifiutato, piange - e il tutto degenera.

Ha un esempio?

Immaginate un bambino in piedi davanti al frigorifero che grida continuamente in modo esigente: "Glace, Glace, Glace!" I genitori continuano a rispondere: "No, non puoi mangiare il gelato adesso", "No, ceniamo prima", "Non dovresti stare sempre davanti al frigorifero!", "No, no, no!" Ciò che il bambino impara in questa situazione è principalmente quanto segue: "Ho un grande impatto". Con un bambino più grande, molti genitori rispondono alle grida placando o dandogli subito quello che vuole. Il bambino ora sa: "Se voglio qualcosa, devo gridare". Il bambino impara dalle reazioni dei genitori ciò che è importante per loro e applica questa esperienza. Non vuole impegnarsi nel terrore psicologico.

Come possono i genitori rispondere in modo più significativo?

Ha senso dare una guida e una direzione costruttiva. Per rimanere nell'esempio precedente, i genitori potrebbero dire: "C'è il gelato per dessert" o "Oh, sei arrabbiato perché...." Il bambino ha bisogno di una conferma che è stato capito e poi ha bisogno di una guida. Quando il bambino si è calmato, deve essere confermato: "Bello che ti sei calmato". Per il 95% della giornata, i bambini si comportano in modo cooperativo. Tuttavia, principalmente reagiamo così fortemente alle poche situazioni che queste spesso influenzano il rapporto con i bambini durante la giornata.

Quando cambiamo la nostra prospettiva, i nostri sentimenti verso i bambini cambiano.

Quindi, per trattare in modo significativo con i bambini, i genitori devono cambiare la loro prospettiva e hanno bisogno di capire cosa c'è nella mente del bambino?

, il bambino impara come viene ricevuto dai genitori attraverso la conferma del suo comportamento cooperativo. È rafforzato nella sua autostima da affermazioni come "Oh, vedo come ti stai sforzando", "Come sei attento con questo! Mi fido di te che...". Quando cambiamo il nostro punto di vista, i nostri sentimenti verso i bambini cambiano e notiamo consapevolmente tutto ciò che il bambino mostra e può fare. In questo modo, i genitori diventano anche consapevoli del livello di sviluppo del bambino, il che porta a una minore sovra- e sotto-sollecitazione del bambino.

I comportamenti che i genitori percepiscono erroneamente come terrore psicologico sono normali in certe fasi dello sviluppo?

, i bambini piccoli nel periodo pre-linguistico mordono o colpiscono perché non possono ancora parlare. Tuttavia, se un bambino più grande colpisce ancora, lui o lei si è colpito da solo o ha imparato da bambino che colpire è un buon mezzo di autoaffermazione. Quindi hanno bisogno di una guida chiara come "Se voglio qualcosa, posso chiedere, scambiare, aspettare". I genitori sono i primi modelli di ruolo. Il loro comportamento mostra ai bambini se gridare, colpire e urlare o parlare dei sentimenti e cercare soluzioni sono i modi giusti per trattare con le altre persone.

Cosa possono fare i genitori se la situazione degenera?

"Abbiamo bisogno di una pausa ora per poterci calmare, ci sediamo e beviamo qualcosa", questa è una frase sensata in una situazione di escalation. I bambini di solito si uniscono immediatamente. In questo modo, i genitori sono in grado di fare un passo indietro e pensare: Cosa sta facendo effettivamente il bambino? Cosa potrebbe provare? Cosa voglio da lui? Cosa voglio che impari? Come può risolvere il suo problema in modo indipendente? I genitori sono allora in grado di dire al bambino: "Ho capito che vorresti......" Questo è seguito da un chiaro orientamento o anche da una domanda: "Come vogliamo risolvere la questione in queste circostanze?"

Reagiscono alle continue ammonizioni con il rifiuto.

I genitori devono rimanere in testa.

, i bambini hanno bisogno di una guida, di linee guida affidabili che possano seguire. Ma a nessuno piace essere comandato. I bambini a cui viene detto cosa fare, come "lavarsi i denti", "mettersi il pigiama", "appendere la giacca", ecc., smettono di pensare da soli e lasciano tutto il pensiero ai loro genitori. Reagiscono alle continue ammonizioni con il rifiuto. Dopo tutto, vengono trattati come se fossero limitati. Fidarsi dei bambini per fare le cose in modo indipendente e incoraggiarli a farlo rafforza la loro fiducia in se stessi.

Come si presenta tale guida nella pratica?

Le scelte uguali permettono la co-determinazione e la cooperazione. In questo modo i genitori possono evitare di minacciare, corrompere, urlare, ecc. Si tratta di costruire una relazione basata sulla cooperazione. "Mettiti la giacca!" dicono spesso i genitori 100 volte al giorno, con poco successo. È meglio considerare con il bambino: "Che tempo fa oggi? Guardiamo le previsioni del tempo sul giornale o guardiamo il termometro. Di quale giacca hai bisogno oggi?" È così che i genitori guidano il loro bambino a diventare indipendente. Un approccio positivo è sempre importante.

Quali altre opzioni ci sono?

Bisogna sempre tenere presente che i bambini hanno priorità diverse da noi adulti, cioè i bambini vivono nel qui e ora. Appendere la giacca non è una priorità per i bambini. Spesso è più importante correre dalla madre, raccontarle le esperienze o fare qualcos'altro nella stanza. La vita quotidiana dei genitori sarebbe più facile se potessero vedere attraverso gli occhi del bambino e affrontare immediatamente i conflitti. Molti genitori sono anche preoccupati dalla domanda "Cosa pensano gli altri dei miei figli cattivi?" e "Io e mio figlio siamo ostracizzati perché colpisce". Tali modelli di pensiero, possono tentare i genitori ad azioni massicce o portare al ritiro dalla vita sociale.

La vita quotidiana dei genitori sarebbe più facile se riuscissero a vedere attraverso gli occhi del bambino.

Così i bambini diventano ribelli quando non sono guidati dai loro genitori, quando sono viziati, quando gli si toglie molto, si pensa per loro e poi lo si rimprovera?

Sì, e questo porta spesso ad una spirale negativa, un circolo vizioso, ma i genitori possono trovare la via d'uscita cambiando la loro prospettiva. In questo modo, possono sviluppare gradualmente una spirale d'incoraggiamento, un cerchio d'angelo.

Questo suona speranzoso. Si può ancora migliorare il rapporto con le buone parole, anche con i bambini pubescenti? Con figli che si rifiutano di aiutare in casa e di occuparsi della scuola? Con adolescenti che sbattono le porte, sono sfacciati e cattivi con i genitori, forse anche arrabbiati?

Sicuro. Gli adolescenti sono molto sensibili e hanno bisogno di molto incoraggiamento e rispetto. Sono molto felici di discutere se sono compresi e possono collaborare alle soluzioni. Sostenere l'autostima dell'adolescente può proteggerlo da molte tentazioni. Non dipendono quindi dal confermarsi in modi pericolosi.

Informazioni sul programma per genitori STEP, il Systematic Training for Parents and Educators: www.instep-online.ch

Logo della vita familiare

Denise Tinguely Hardegger di Dornach: Psicologa/ Psicoterapeuta SBAP/ASP, Psicologa per bambini e adolescenti NDS e Cert. Allenatore di passi.