Facebook Pixel
Bambino

I 6 passi della familiarizzazione con l'asilo nido secondo il modello di Berlino

La maggior parte degli asili lavora con il modello di Berlino per permettere al bambino di ambientarsi dolcemente. Come funziona il processo di ambientamento in Svizzera oggi e cosa possono fare i genitori per assicurare un buon inizio dell'asilo.

Di regola, il modello di Berlino è utilizzato per familiarizzare i bambini con l'asilo.

Durante il periodo di ambientamento all'asilo, il bambino deve orientarsi in un modo completamente nuovo. Immagine: Fatcamera - E+

Il vostro bambino andrà presto all'asilo. E vi chiedete: "Il mio bambino sarà in grado di separarsi da me?" "Si sentirà a suo agio nell'asilo?" "Sarò in grado di lasciarlo andare?" Potete e dovete porre queste domande alle educatrici dell'asilo anche prima del primo giorno. Perché una stretta e fiduciosa collaborazione tra genitori ed educatori è uno dei presupposti più importanti per un'acclimatazione di successo alla scuola materna.

La maggior parte degli asili nido svizzeri organizza il passaggio da casa all'assistenza esterna secondo il cosiddetto "Modello Berlino", uno dei modelli di familiarizzazione più antichi ma anche più collaudati.

Il modello di Berlino spiegato brevemente

Il "Modello di Acclimatazione di Berlino" è una linea guida per un'acclimatazione graduale e delicata al centro diurno. È stato sviluppato negli anni '80 all'Istituto INFANS di Berlino per la ricerca applicata alla socializzazione/prima infanzia da Hans-Joachim Laewen, Beate Andres e Éva Hédervari-Heller. Nell'ambito di un progetto di ricerca, gli educatori avevano scoperto che i bambini che dovevano ambientarsi senza la guida dei genitori erano malati sette volte di più nei primi mesi, avevano più paure e beneficiavano meno delle opportunità dell'asilo.

I due principi del modello di familiarizzazione di Berlino

La familiarizzazione gentile poggia su due pilastri: Custodi e gentilezza.
Il bambino è sempre accompagnato da uno dei suoi assistenti più importanti, di solito la madre o il padre. Con la sicurezza di sapere che la mamma o il papà sono lì e che non mi può succedere niente, è più facile per il bambino ambientarsi all'asilo e costruire relazioni durature con gli insegnanti e gli altri bambini.
Inoltre, il processo di assestamento avviene lentamente. Il bambino non è sovraccaricato o messo sotto pressione. Come risultato, il bambino si sente più a suo agio nel gruppo a lungo termine e può svilupparsi e imparare meglio.

La durata della familiarizzazione dipende dal bambino

Il modello di ambientamento di Berlino prevede di solito da una a circa tre settimane per l'ambientamento del bambino. Alla fine, però, è il bambino che determina il ritmo: "Il periodo di ambientamento dovrebbe essere adattato individualmente, ma non dovrebbe mai essere inferiore a tre giorni. (...) A seconda del temperamento, delle precedenti esperienze di legame e del comportamento individuale del bambino, l'acclimatazione richiede tempi diversi", scrivono le educatrici Katja Braukhane e Janina Knobeloch nell'opuscolo professionale per educatori.

Procedura del modello di Berlino: le 6 fasi dell'insediamento

Fase1: Informare i genitori

La prima parte del processo di ambientamento è rivolta ai genitori. Sono informati dal personale dell'asilo sul processo di ambientamento - in una conversazione, ma anche per iscritto. Ma gli educatori hanno anche bisogno di informazioni. Per esempio: Con cosa gioca spesso il bambino, cosa gli piace mangiare, cosa non gli piace? Quali parole e gesti usa per farsi capire?

2a fase: soggiorni di cura

Durante i primi tre giorni di ambientamento, il bambino visita l'asilo solo con voi e solo per poco tempo. Come regola, si inizia con una o due ore. Gli educatori invitano già il bambino a partecipare alle attività e cercano accuratamente di costruire un rapporto con lui. I genitori tendono ad essere passivi, aspettano e guardano, ma si occupano comunque di pannolini e alimentazione. Gli esperti chiamano questa fase la "fase di base".

Fase3: primo tentativo di separazione

Il modello di Berlino non prevede un primo tentativo di separazione fino al quarto o quinto giorno. Questo è importante per valutare quanto tempo deve essere pianificato per un'ulteriore familiarizzazione. La madre o il padre saluta il bambino nella stanza. La reazione del vostro bambino determinerà l'ulteriore corso del processo di ambientamento.
Lui o lei continua a giocare? Non piange affatto o solo brevemente? Questo indica un ulteriore periodo di assestamento di circa una settimana. Se il bambino non può essere calmato dagli educatori, la madre o il padre torneranno rapidamente nella stanza. Ora si può supporre che il periodo di ambientamento durerà da due a tre settimane.

Fase4: Ottenere sicurezza

Nella fase successiva, la cosiddetta fase di stabilizzazione, ci si concentra sulla costruzione di un buon rapporto tra educatori e bambino. Gli educatori si prendono sempre più cura del bambino e lo coinvolgono nel gioco, mentre la madre o il padre si ritirano lentamente. Per i bambini che affrontano facilmente la situazione, le separazioni dalla madre o dal padre - a partire da mezz'ora - si prolungano ulteriormente. Possono già dormire il quinto giorno nel centro diurno. Per gli altri bambini, c'è solo un nuovo tentativo di separazione nella seconda settimana.

Fase5: Sistemarsi

Nella quarta fase, il bambino è già all'asilo senza madre o padre per alcune ore, dove conosce sempre meglio le procedure e le regole. Tuttavia, un genitore deve essere sempre disponibile. Il bambino deve ancora trovare il suo posto nel gruppo - gli insegnanti aiutano in questo.

Fase6: Acclimatato!

Il processo di familiarizzazione è ora completo. Al bambino ora piace venire all'asilo e - se necessario - può essere confortato in modo affidabile dalle insegnanti.

Ecco cosa possono fare i genitori per facilitare l'insediamento dei loro figli

La maggior parte dei genitori vogliono che il loro bambino si stabilisca rapidamente nell'asilo perché vogliono vederlo particolarmente indipendente e sicuro di sé. È bene sapere in questa situazione che soprattutto i bambini che hanno avuto bisogno di più tempo per ambientarsi si sentono spesso particolarmente sicuri nel loro rapporto con i genitori. Sono - secondo il gergo - "saldamente attaccati". Questo significa che esprimono apertamente i loro sentimenti. Questa sicurezza ha un effetto positivo sulla loro vita futura. È quindi importante che i genitori concedano tempo sufficiente per il processo di ambientamento e che la routine quotidiana sia il più stabile possibile per il bambino.
Inoltre, i genitori sono più utili durante il processo di ambientamento all'asilo se irradiano un punto di vista chiaro, ottimismo e fiducia.
Se voi dubitate e avete paura, lo farà anche vostro figlio. Se non riuscite a dissipare i vostri dubbi, i genitori dovrebbero assolutamente parlare con gli educatori. Solo quando vi fidate di loro potete aspettarvi che il bambino accetti la separazione.

I vantaggi e gli svantaggi del modello di Berlino

Il processo di ambientamento di Berlino fornisce una panoramica. Quando i genitori sanno quali passi sono coinvolti nel processo di ambientamento, si sentono più sicuri - una sicurezza che possono trasmettere al bambino. Poiché il modello di Berlino è uno dei più vecchi modelli di familiarizzazione, è considerato un concetto ben collaudato e affidabile.

Ma ci sono anche delle critiche. Il modello di Berlino si rivolge principalmente ai bambini che vanno all'asilo nido tre o più giorni alla settimana. "Se un centro diurno si occupa principalmente di bambini che lo frequentano due giorni alla settimana, si devono eseguire molte più procedure di ambientamento. Di conseguenza, il periodo di assestamento richiede molto più tempo...", sottolinea la città di Zurigo.

Zurigo ha il suo modello di familiarizzazione con l'asilo nido

Il collaudato modello di Berlino difficilmente affronta la questione del lavoro a tempo parziale. Pertanto, è stato sviluppato il "Modello di familiarizzazione della città di Zurigo".
Questo consiste in moduli individuali che gli asili possono mettere insieme secondo i loro bisogni. Mentre alcuni moduli devono essere sempre presenti, altri possono essere usati opzionalmente. Per esempio, la preparazione per l'inizio del bambino all'asilo comprende sempre un colloquio di ingresso.