Facebook Pixel
Desiderio di avere figli

Adozione: cosa c'è da sapere sui requisiti e sul processo

Volete adottare e realizzare così il vostro desiderio di avere un bambino? Qui può scoprire di più sui requisiti e il processo d'adozione e perché ci sono spesso lunghi tempi d'attesa nella procedura.

Adozione: requisiti e procedura

Ci sono molti ostacoli da superare nell'adozione. Foto: iStock, Thinkstock

Tutto inizia con il desiderio di avere un figlio. Ma nel caso dell'adozione, questo significa di solito l'inizio di un lungo viaggio. Se decidete di adottare un bambino dalla Svizzera e fate domanda all'autorità competente, potete aspettare fino a cinque anni. Per i bambini provenienti dall'estero, può anche essere fino a quattro anni. Oltre al tempo, l'adozione costa anche nervi e denaro. 25.000 franchi svizzeri in spese di viaggio e di collocamento ecc. non sono rari.

Motivi per i lunghi tempi di attesa

C'è un eccesso di domanda e una carenza di bambini. Solo circa 20 bambini nati in Svizzera vengono dati in adozione ogni anno. Per questo motivo, i genitori disposti ad adottare si sono rivolti a bambini provenienti dall'estero e continuano a farlo ancora oggi. Ma anche qui, poco meno di 300 bambini stranieri sono stati adottati nel 2008. Dal 1980 al 1993, da 600 a 800 bambini sono stati adottati ogni anno.

Oggi, quando i bambini vengono adottati dall'estero, sempre più bambini vengono collocati presso famiglie nei loro paesi d'origine. L'adozione internazionale è soggetta alle regole per la protezione dei bambini, che sono stabilite nella Convenzione delle Nazioni Unite sui diritti del bambino e la Convenzione dell'Aia sull'adozione. Finora, 70 stati hanno aderito alla Convenzione dell'Aia. Il risultato: meno bambini stranieri per i genitori adottivi in Svizzera.

Rolf Widmer dell'Agenzia svizzera per le adozioni ha detto a NZZ Format: "In realtà diciamo che un'adozione internazionale dovrebbe avvenire solo se il paese del bambino non può garantire uno spazio di vita sicuro, e io definisco uno spazio di vita sicuro in tre aspetti, che non può dargli sicurezza, una rete di relazioni e figure di attaccamento fisse, idealmente una famiglia sostitutiva, e che non può sviluppare nessuna prospettiva."

Coloro che prendono la via ufficiale dell'adozione e scelgono una delle agenzie di collocamento riconosciute (vedi informazioni alla fine dell'articolo) devono essere chiari: si cercano genitori per i bambini e non bambini per i genitori.

I futuri genitori adottivi devono quindi passare attraverso una gara ad ostacoli ufficiale e vari test attitudinali. Gli uffici di collocamento e le autorità cantonali offrono corsi di preparazione per genitori adottivi - in alcuni casi sono un prerequisito per il collocamento. Nei corsi preparatori, i futuri genitori imparano l'essenziale sulla loro prossima paternità e sulle necessità dei bambini che dovranno affrontare in futuro.

I requisiti per l'adozione congiunta (secondo CC 264, 265)

  • Coppia sposata, sposata da almeno 5 anni e con più di 35 anni di età. I coniugi possono adottare solo congiuntamente.
  • I richiedenti stranieri richiedono il permesso di insediamento B o C
  • La legge svizzera esclude sia l'adozione congiunta di un bambino da parte di partner conviventi sia l'adozione del figlio di un partner convivente da parte dell'altro. L'adozione da parte di un partner convivente può avvenire solo tramite adozione individuale, che pone fine alla relazione del bambino con il genitore.
  • Lecoppie dello stesso sesso sono escluse dalla possibilità di adozione.
  • I fratelli non possono adottare congiuntamente.

Requisiti per un'adozione individuale

  • Celibe e con più di 35 anni
  • Una persona sposata può adottare il figlio del coniuge (stepchild adoption) dopo almeno 5 anni di matrimonio.
  • Le persone sposate possono adottare da sole se l'altro coniuge è permanentemente inabile, è stato assente per più di 2 anni con residenza sconosciuta, o il matrimonio è stato legalmente separato per più di 3 anni.

Inoltre, il bambino adottato deve essere almeno 16 anni più giovane dei genitori adottivi. Le autorità prestano attenzione anche all'età dei genitori. Non devono avere più di 40 anni in più del bambino adottato. Gli altri figli dei genitori adottivi non devono essere ingiustamente svantaggiati. L'adozione di una persona adulta o incapace è possibile solo se non ci sono discendenti propri.

Le coppie sono di solito in una difficile posizione di decisione e di attesa. Se sono rimasti senza figli, la delusione, la tristezza e la rabbia possono essere innescate in aggiunta ai sentimenti di speranza per un figlio. Nei corsi di preparazione all'adozione, le cose sono di solito abbastanza emotive, riferisce un istruttore del corso. Alla fine del corso di preparazione, ci sono sempre coppie che si rendono conto che un tale compito è fuori questione per loro.

Si chiede di più ai genitori adottivi che ai genitori di un bambino naturale.

Adottare un bambino è una sfida enorme. "Penso che essere un genitore adottivo ti fa sentire ancora più responsabile. Abbiamo dovuto prendere una decisione più grande che se avessimo avuto solo un bambino. Ma quando l'attesa dura per anni come è successo a noi e si sono dovuti superare molti ostacoli, allora si è davvero preparati", dice una madre appena adottata.

E la preparazione è importante. Perché il bambino adottato non di rado mette i suoi genitori adottivi di fronte a grandi problemi che spesso non possono essere risolti solo con l'amore e le cure. Molti bambini adottati hanno difficoltà con lo sviluppo della loro identità, soffrono di ansia da separazione e bassa autostima.

In passato, le persone nascondevano il fatto della loro origine ai bambini adottati. Oggi sappiamo che è giusto non rendere l'adozione un tabù. È importante per il sano sviluppo del bambino che conosca la verità fin dall'inizio.

Per evitare gli ostacoli di un'adozione internazionale e per abbreviare il percorso, molte coppie prendono la via dell'adozione privata. Questo li mette in una zona grigia legale. Tuttavia, quasi una coppia su tre in Svizzera decide di prendere questa strada. Naturalmente, questo significa che le autorità ufficiali non devono effettuare prima i necessari controlli sul benessere del bambino. Gli uffici di assistenza ai giovani non hanno altra scelta che dare l'assenso all'adozione autoprodotta, perché non possono rimandare indietro i bambini acquistati.

Da parte loro, i genitori adottivi devono avere ben chiaro se possono convivere con pratiche discutibili e a volte illegali in questo tipo di adozione privata. Si stima che l'80% dei bambini provenienti da paesi in cui non ci sono quasi controlli provengono da casi di traffico e rapimento di bambini. L'adozione è un grande business. Ci sono sempre rapporti negativi da Haiti, Nepal o Vietnam. Inoltre, ci sono sempre più casi di donne bulgare o rumene che partoriscono in Svizzera e danno i loro figli in adozione direttamente per ragioni finanziarie.

Non voglio dover dire a mio figlio che l'ho comprato quando chiede dei suoi genitori.

Secondo la legge americana, si può comprare un bambino non ancora nato da una madre surrogata per 40.000-50.000 dollari. A partire da 20.000 dollari, è possibile ottenerne uno dal catalogo.

In Svizzera sono già in corso sforzi politici per vietare queste adozioni private. Il problema è che esportare un bambino spesso non è il modo migliore per il bambino. Perché non solo la perdita dei genitori biologici, ma anche la perdita della sua cultura e della sua lingua lascia profonde cicatrici. E se il bambino non dovesse essere sano, nessuno si assume la garanzia.

Ma anche se le cose vanno bene per qualche anno: succede sempre di nuovo che i bambini adottati devono essere dati in un istituto per bambini a causa di enormi problemi di comportamento e di apprendimento, perché i genitori adottivi non possono più occuparsi di lui.

Come funziona un'adozione ufficiale

Il cantone di Turgovia ha visualizzato le varie procedure in dettaglio e le ha riassunte in un documento PDF. Le procedure sono più o meno le stesse in tutti i cantoni.

  1. Registrazione e richiesta di adozione presso l'autorità cantonale competente (vedi sotto)
  2. Si raccomanda il contatto volontario con un'agenzia di adozione riconosciuta a livello federale (vedi sotto). Nel caso dell'adozione internazionale, alcuni paesi d'origine richiedono la cooperazione di una tale agenzia di collocamento.
  3. Un'agenzia specializzata, di solito l'Ufficio di assistenza ai giovani, si occupa di chiarire la collocazione dell'affidamento e prepara la relazione sociale. Nella relazione sociale si esamina la situazione economica e si chiarisce anche l'idoneità personale.
  4. Se tutte le condizioni sono soddisfatte, l'autorità cantonale rilascia un permesso di ricovero provvisorio
  5. I genitori affidatari ricevono una proposta di bambino dall'agenzia di collocamento o dall'autorità tutoria e sono informati sulle conseguenze legali e sociali.
  6. I genitori adottivi vanno nel paese d'origine del bambino e lo conoscono.
  7. Dopo la decisione di adozione positiva e la concessione del visto, si recano in Svizzera con il bambino.
  8. Ottengono le traduzioni dei documenti di adozione e le inviano all'autorità cantonale.
  9. Si registra il bambino presso il comune.
  10. Durante il periodo di affidamento di almeno un anno, l'autorità tutoria del comune assume la tutela del bambino. La relazione di affidamento è supervisionata dall'autorità cantonale.
  11. La domanda di adozione viene finalmente elaborata

Quando un bambino viene dato in adozione, il contatto con i genitori naturali di solito si interrompe. Tuttavia, alcune agenzie di collocamento offrono una corrispondenza anonima dove le madri possono scrivere a intervalli irregolari. Dalle esperienze di adozione degli ultimi decenni, si è imparato che le radici culturali e sociali del bambino non scompariranno mai. Ma sappiamo anche che il rapporto con i genitori adottivi non soffre necessariamente se il bambino prende poi contatto con i suoi genitori naturali.

I genitori adottivi non devono avere paura di perdere il bambino se cerca i suoi genitori naturali. Se i genitori adottivi sostengono il bambino in questo, il rapporto si rafforza piuttosto che allentarsi. Molto prima di Madonna o Angelina Jolie, la ballerina Josephine Baker aveva adottato 12 bambini di diverse nazioni e continenti. Secondo le loro stesse dichiarazioni, queste persone si sentono oggi come una famiglia, anche se molti conoscono i loro genitori biologici.

Si sviluppano legami emotivi con i genitori adottivi e i fratelli adottivi. Ma sono sempre volontari. Il bambino, che sia proprio o adottato, alla fine appartiene solo a se stessi.

Consiglio del libro

Adottare bambini da culture straniere. Risposte alle domande dei futuri genitori adottivi
2a edizione rivista, 2003
Editore: Istituto Marie Meierhofer per il Bambino
Agenzia d'adozione svizzera
Fondazione svizzera del servizio sociale internazionale