Facebook Pixel
Desiderio di avere figli

Desiderio di figli: Aiuto, il mio orologio biologico sta ticchettando!

Commento - A un certo punto nella vita di quasi tutte le donne, arriva il momento: l'orologio biologico inizia a ticchettare. Forte e chiaro. Ma cosa sta cercando di dirci in realtà? E il ticchettio può essere fermato? La nostra autrice Julia Wohlgemuth ha pensato a questo.

L'orologio biologico ticchetta particolarmente forte alla vista dei bambini piccoli.

Se il tuo orologio biologico sta ticchettando, puoi sentirlo particolarmente forte alla vista dei bambini. Foto: iStock, Thinkstock

Ricordo esattamente quando ho sentito per la prima volta il ticchettio del mio orologio biologico. Ero seduta in un ristorante con un simpatico giovane di fronte a me. Era il nostro secondo appuntamento. E improvvisamente l'ho sentito molto forte. Tick, tock. Il mio orologio biologico. "Non perdere il tuo tempo con questo perdente", sembrava dire. "Quello non è un futuro padre di famiglia. Non ti resta molto tempo". All'inizio ho pensato che fosse la voce di mia madre. Perché il sospiro materno su quando ci sarebbero stati finalmente dei nipoti aveva una certa somiglianza con l'ammonimento dell'orologio biologico. Ma la novità - ed è per questo che sapevo che era il mio orologio biologico - era che lo prendevo sul serio, mentre avevo sempre liquidato i lamenti materni con un "Oh, un giorno".

Come ogni donna può probabilmente testimoniare, la vita femminile ha molti nemici in serbo: Le bilance dopo le vacanze di Natale. Collant che si strappano quando li metti. Trucco che non è impermeabile. Anche l'orologio biologico è uno di questi. Sebbene anche la fertilità maschile diminuisca con l'età, probabilmente sono soprattutto le donne a sentire il ticchettio delle loro ovaie che si riducono mensilmente dopo una certa età.

Ma non l'avevo affatto pianificato in quel modo. Quando avevo 13 anni, sapevo esattamente come sarebbe stato: Dopo aver studiato medicina veterinaria, avrei sposato il mio adorabile fidanzato, che sarebbe stato convenientemente un pediatra. Avremmo due figli (prima un maschio, poi una femmina) e vivremmo in una bella casa con almeno un cane (un Labrador) e due gatti. Come la maggior parte delle ragazze della mia generazione, ho dato per scontato che sarei stata in grado di bilanciare una carriera e dei figli.

Ma naturalmente tutto è andato diversamente dal previsto. La parte della carriera (anche se non in medicina veterinaria) è diventata una realtà. Mi è piaciuto il mio lavoro. Gli straordinari non erano un problema; dopo tutto, non avevo ancora una famiglia. Alla fine dei miei 20 anni, potevo essere orgoglioso dei miei successi professionali. Ma l'amabile pediatra si è fatto attendere a lungo. Nel poco tempo che mi rimaneva dopo il lavoro, mi divertivo con uomini con i quali non avevo intenzione di creare una famiglia. Ad essere onesti, non ci ho pensato molto nei miei vent'anni. Arriverebbe quello giusto, e poi i bambini sarebbero un problema ad un certo punto. Per ora, la prossima promozione, i bei viaggi e le uscite con gli amici erano più importanti.

Fino a quella sera al ristorante quando ho sentito il ticchettio del mio orologio biologico invece del suono delle campane del matrimonio. Avevo circa 30 anni - e quindi ancora in un'età non problematica per la fertilità. Oggi, quelle che hanno un figlio all'inizio dei 30 anni sono tra le madri più giovani. Dopo tutto, l'età media per il primo figlio si sta spostando sempre più indietro da anni, con un numero sempre maggiore di donne che diventano madri per la prima volta dopo il loro 35° compleanno. E naturalmente è del tutto soggettivo quando le donne con un desiderio latente di avere figli sentono che non vogliono perdere il momento migliore, che ad un certo punto potrebbe essere troppo tardi.

Da quella sera, non potevo più ignorare il ticchettio del mio orologio biologico. A volte era solo molto tranquillo. Quando vedevo conoscenti o parenti con bambini piccoli, diventava molto rumoroso. Ho frequentato solo uomini che erano almeno simili all'amabile pediatra dei miei sogni giovanili. Non so se altre donne possono ingannare il ticchettio del loro orologio biologico. Per me, in ogni caso, ha smesso solo quando ho tenuto in braccio il mio bambino.

Ecco alcuni fatti in più sull'orologio biologico e la fertilità:

  • A metà dei suoi 20 anni, una donna raggiunge il picco della sua fertilità
  • Dalla metà dei 30 anni in poi, le possibilità di una gravidanza naturale e senza problemi continuano a diminuire
  • Numerose opzioni nella medicina riproduttiva oggi rendono anche possibili gravidanze più tardive - ma non c'è garanzia
  • L'orologio biologico può essere ritardato un po' con il congelamento degli ovuli - ma anche in questo caso non c'è garanzia di un desiderio tardivo di un figlio soddisfatto