Facebook Pixel
Desiderio di avere figli

Bambini? Sì, no, forse...

Vogliamo dei figli? Sì! I bambini sono la cosa più grande, i bambini restituiscono una quantità infinita e i bambini scatenano sentimenti meravigliosi che non si provavano prima. No! I bambini costano tempo, denaro e nervi. Se ti chiedi se vuoi avere figli, non arriverai da nessuna parte con una lista di pro e contro.

Perché avere figli? Perché sono meravigliosamente estenuanti.

I bambini sono meravigliosi ed estenuanti allo stesso tempo! Ci sono molte ragioni a favore e contro l'avere figli. Foto: Siarhey Lenets, iStock, Thinkstock

"Ci sono più di 2 buone ragioni per avere figli al giorno d'oggi?" ha chiesto recentemente un utente nella newsletter di "Ron Orp", scatenando una vivace discussione con oltre 100 contributi. Naturalmente, ci sono mille e più ragioni per avere figli. Ma è anche chiaro che ci sono altrettante ragioni per non avere figli. La discussione mostra come molte donne e uomini trovano difficile rispondere alla domanda "Perché avere figli?

Oggi i bambini non vengono semplicemente messi al mondo. Sono una decisione consapevole. E che decisione! Uno con delle conseguenze, perché i bambini non possono essere restituiti come gli animali domestici di cui ci si stanca dopo qualche anno. In media, le madri non hanno il loro primo figlio prima dei 30 anni. Nel 1970 erano ancora cinque anni più giovani. Perché oggi tutto deve combaciare perfettamente: un'istruzione completata, una posizione adatta nel lavoro, abbastanza soldi, una partnership stabile, un accordo su chi si prenderà cura dei bambini e la volontà di mettere il bambino al primo posto nella vita. La sociologa Karin Schwiter, che ha chiesto ai giovani adulti queste idee, teme che "se gli ostacoli sono così alti, molti giovani adulti non arriveranno mai al punto di avere figli" (Karin Schwiter in intervista: "Davvero tutto deve combaciare perfettamente per avere figli?")

E anche se tutto è perfetto, domande come queste sono lontane dall'avere una risposta: perché vogliamo avere figli? Vogliamo davvero sottoporci a questo stress? Possiamo assumerci la responsabilità di una nuova vita? Abbiamo bisogno di bambini per dare un senso alla nostra vita? Una lista di pro e contro non aiuta la maggior parte delle persone. Non rende la decisione più facile, perché si trovano sempre nuovi argomenti a favore e contro l'avere figli. Si tratta piuttosto di un sentimento o di un impulso, come ci scrivono le blogger di famiglia svizzere Nathalie Sassine, Rita Angelone e Kathrin Buholzer. Abbiamo chiesto loro perché hanno deciso di avere figli.

Nathalie Sassine da rabenmutter.ch

"Perché ho avuto dei figli? Perché ne volevo un po'. È stato facile. Rispondere alla domanda sul perché ho voluto dei figli si è rivelato più difficile. Perché si fa questo a se stessi? Seni gocciolanti, notti insonni, rispondere alle stesse domande 413.975 volte? Chi vorrebbe farlo volontariamente? Ammettiamolo, se ci avessero detto com'era la vita quotidiana, probabilmente avremmo aspettato più a lungo per avere dei figli. E ci saremmo goduti ancora di più i nostri drink dopo il lavoro. Ma non l'abbiamo fatto. Invece, abbiamo deciso di avere questa meravigliosa sensazione che i nostri figli ci danno quasi ogni giorno. Essere una squadra ben coordinata, appartenere insieme. Almeno questa era la mia idea, perché non volevo solo dei figli, volevo una famiglia. E questa sensazione è la cosa migliore che mi sia mai capitata, ed è per questo che non posso che raccomandarla. Posso capire le persone che non vogliono figli, ma comunque: si stanno perdendo qualcosa. Sicuramente".

Nathalie Sassine, madre di Raven, sull'avere figli.Nathalie Sassine-Hauptmann è una giornalista freelance. Vive con la sua famiglia vicino a Zurigo. Sul suo blog rabenmutter.ch racconta da un punto di vista soggettivo gli alti e bassi del diventare madre e dell'essere madre.
Foto: Der Landbote

Rita Angelone da dieangelones.ch

"A mio parere, non c'è nessun'altra decisione nella vita che abbia conseguenze di così ampia portata, ma che non possa essere presa in modo più semplice e giustificato con un'analisi di utilità ben ponderata che la questione di avere o non avere figli. Per le decisioni di investimento, la ricerca di un alloggio, la ricerca di un lavoro, ecc., si possono definire criteri chiari che possono essere usati per valutare diverse opzioni e poi basare la decisione su di esse.

Questo non è possibile quando si hanno figli. Dopo tutto, quali criteri vorresti usare? Gran parte della questione dell'avere figli ruota intorno al fare un passo indietro per un po', stabilire le priorità in modo diverso, fare a meno di molte cose. Chi direbbe semplicemente di sì a questo? Se si trattasse solo di questo, non avrei dovuto avere figli. Perché oggi anch'io dormirei spesso più a lungo, godrei delle vacanze senza figli, vorrei uscire più spesso di quanto non possa fare con i bambini. Anche i criteri positivi non aiutano molto, per esempio: i bambini portano gioia e danno un senso alla vita. Non si può nemmeno dire di sì a questi criteri. I bambini portano gioia, ma richiedono anche molto impegno e costano molto denaro. E la mia vita aveva un senso prima e spero che avrà ancora un senso quando i miei figli usciranno di casa da adulti.

Sono altre considerazioni, idee, persino sogni che mi hanno portato a creare una famiglia e ad assumermi delle responsabilità con l'uomo giusto al mio fianco. Trasmettere una parte di me stesso ai miei figli sotto forma di valori e atteggiamenti. Passare attraverso gli alti e bassi con i bambini e guardare la vita come famiglia da un punto di vista diverso, più responsabile. Queste non sono ragioni oggettive, ma piuttosto sentimenti, o forse è stato semplicemente l'istinto primordiale che mi ha portato a prendere questa strada. E anche di non metterlo più in discussione. Perché c'è qualcos'altro che distingue questa decisione dalle altre: In linea di principio, si può revocare qualsiasi decisione, ma una volta che si hanno dei figli, li si ha e non si può più darli via.

Probabilmente è per questo che è così difficile prendere una decisione, definire i criteri pro e contro. Perché sai che la decisione è irreversibile. E questo richiede coraggio. Ci vuole coraggio per assumersi questa responsabilità fino alla fine della vita".

Rita Angelone sull'avere figli.Rita Angelone vive a Zurigo con suo marito e due figli. Scrive ogni settimana nel "Tagblatt der Stadt Zürich" nella rubrica "Die Angelones" sulla normale follia della sua vita familiare quotidiana. Gestisce anche il blog di famiglia dieangelones.ch
Foto: privato

Kathrin Buholzer da elternplanet.ch

"Sì, certo che volevo avere figli. Un giorno, al momento giusto. Quando ti sei sfogata, tuo marito ha un lavoro sicuro e avete girato il mondo insieme. Qualcosa del genere. E poi all'improvviso c'è stata questa spinta: da un giorno all'altro, per così dire. Vedi donne incinte e madri con passeggini ovunque e ti fermi in H&M ai vestiti per bambini. È pazzesco e un po' come in un film. Era come se gli alieni mi avessero rapito durante la notte e mi avessero dato questo gene "ora, subito un bambino".

E la tempistica? Mio marito aveva appena iniziato la sua attività, l'appartamento in un quartiere bernese con un piccolo balcone e 70 gradini non era necessariamente il più adatto ai bambini e la macchina avrebbe potuto essere più grande. Ma comunque. Doveva essere fatto ora. In qualche modo non esiste il momento giusto. Qualcosa potrebbe sempre essere un po' meglio, più sicuro o più economico. Abbiamo gestito molto bene la nostra vita con il nostro primo figlio. Certo, c'era il deficit di sonno, i colliri, i pianti, il continuo portare in giro, ma per il resto. Abbiamo cercato coscientemente di non far morire completamente la nostra vecchia vita. Così andavamo a mangiare insieme, a volte con il bambino, che non era sempre così rilassato, al lago, in piscina. Ha anche dormito su un materasso o in una carrozzina ad una festa di compleanno. La vita con un bambino non è proprio la stessa di prima, non prendiamoci in giro per questo, ma non significa che dobbiamo dire addio a tutte le vecchie abitudini e gioie. Nel frattempo ne abbiamo due, di 10 e 8 anni, e ci sono sempre giorni in cui pensi: Hmm, non sarebbe male senza uno adesso. A volte riesco davvero a capire le persone senza figli e a volte le invidio per un momento. Sì, lo so. Ma questo passa in fretta. Perché avere dei figli non è solo faticoso, ma soprattutto totalmente figo.

L'allenatore dei genitori Kathrin Buholzer sull'avere figli.
Kathrin Buholzer è una formatrice di genitori e giornalista. Vive vicino a Berna con suo marito e due figlie. Sul suo blog elternplanet.ch e sul suo canale YouTube, dà consigli ai genitori e parla delle gioie e dei dolori della vita quotidiana.
Foto: privato

Come è stato per voi il desiderio di avere figli? Avete valutato i pro e i contro? Scrivici! Clicca qui per andare alla sezione dei commenti.