Facebook Pixel

Incinta nonostante un disturbo della coagulazione del sangue: cosa devono sapere le future mamme

Durante la gravidanza, il corpo lavora a tutta velocità: l'aumento di peso e i cambiamenti nel battito cardiaco e nella respirazione possono portare a disturbi della coagulazione del sangue. Non rilevati, i disturbi della coagulazione comportano un rischio di complicazioni durante la gravidanza o addirittura di aborto spontaneo. Come riconoscere e trattare una coagulazione eccessiva o insufficiente e come le donne con disturbi della coagulazione possono ancora rimanere incinte.

Donna incinta seduta sul letto

Un trattamento adeguato è fondamentale per i disturbi della coagulazione del sangue in gravidanza. Immagine: Vasyl Dolmatov, Getty Images

Disturbi della coagulazione del sangue in gravidanza:

  • Ci sono diversi tipi di disturbi della coagulazione del sangue: una maggiore tendenza a sanguinare ("emofilia") e una maggiore tendenza a coagulare (trombofilia). Leggi di più.
  • Una maggiore tendenza al sanguinamento si manifesta sotto forma di lividi frequenti. La trombofilia, d'altra parte, può progredire senza sintomi fino alla comparsa di un coagulo di sangue. Leggi di più.
  • Un disturbo della coagulazione con tendenza alla trombosi può essere la causa di un desiderio insoddisfatto di avere figli, così come portare a complicazioni durante la gravidanza e aborti spontanei. Leggi di più.
  • Le donne con disturbi della coagulazione del sangue possono ancora rimanere incinte e partorire con cure mediche. Leggi di più.

Si può rimanere incinta nonostante un disturbo della coagulazione?

Sì, è possibile rimanere incinta e dare alla luce un bambino sano nonostante un disturbo della coagulazione del sangue. Per le donne che vogliono avere figli e per le donne incinte, un disturbo della coagulazione del sangue non diagnosticato comporta alcuni rischi. Ma se conosci i sintomi, puoi farli trattare da un medico e rimanere incinta anche se la tua coagulazione del sangue è elevata o bassa. Puoi leggere qui come rimanere incinta nonostante un disturbo della coagulazione del sangue. Vuoi scoprire se hai un disturbo della coagulazione del sangue? Leggi di più sui sintomi e sui segni qui.

Cos'è un disturbo della coagulazione del sangue?

Avere un disturbo della coagulazione significa che la normale coagulazione del sangue è alterata. Il fatto che il nostro sangue si coaguli è un importante meccanismo di protezione del corpo. Quando abbiamo una ferita esterna, il sangue diventa solido nel sito, in altre parole, si coagula. Questo permette al sangue stesso di impedire che altro sangue esca incontrollato dalla ferita. Nel caso di un disturbo della coagulazione, questa funzione è compromessa.

Il sangue diventa più sottile durante la gravidanza?

In parole povere, sì: durante la gravidanza, il sangue diventa più sottile. Nelle donne incinte, la circolazione del sangue cambia enormemente: da un lato, il volume del sangue aumenta continuamente, e dall'altro, il volume dell'acqua nel corpo aumenta. Tuttavia, il numero di globuli rossi non aumenta così tanto. Le conseguenze sono spiegate da netdoktor.at così: "Nelle donne incinte, il valore del pigmento del sangue (emoglobina) o anche l'ematocrito - la proporzione di globuli rossi come percentuale del volume totale per millilitro - diminuisce quindi. Questo è chiamatoanemia naturale dellagravidanza. Tuttavia, questo migliora il flusso di sangue sulle superfici di scambio materno-fetale nella placenta". Ma se c'è un disturbo della coagulazione del sangue, possono sorgere complicazioni in questo processo naturale.

Cosa succede in un disturbo della coagulazione?

Fondamentalmente, si distingue tra due forme di disturbi della coagulazione del sangue. La coagulazione può essere troppo debole o troppo forte.

  • Se la coagulazione del sangue è troppo debole, si parla di una maggiore tendenza a sanguinare. La forma più comune è l'emofilia ereditaria, chiamata anche emofilia.
  • L'eccessiva coagulazione del sangue provoca il "coagulo" del sangue, che può portare a occlusioni vascolari (trombosi). Questa condizione è anche chiamata trombofilia.

Le cause di un disturbo della coagulazione del sangue

Un disturbo della coagulazione del sangue è ereditario o si sviluppa nel corso della vita. Di regola, solo gli uomini soffrono di emofilia ereditaria. La Swiss Haemophilia Society spiega che ciò è dovuto all'ereditarietà attraverso il cosiddetto cromosoma X: "Questo è il cromosoma sessuale di cui la donna ha due e l'uomo solo uno. L'uomo che porta il tratto ereditario ha l'emofilia. La donna può compensare il tratto ereditario emofilo con l'altro cromosoma X sano". Tuttavia, le donne soffrono del più comune disturbo della coagulazione del sangue, la cosiddetta sindrome di Von Willebrand, tanto quanto gli uomini.

Una maggiore tendenza alla trombosi, cioè una forte coagulazione del sangue, è causata da malattie congenite come la mutazione del fattore V Leiden o un deficit della proteina S. Entrambe le malattie sono cambiamenti genetici nella coagulazione del sangue. Il Regensburg Fertility Network nota anche che uno dei più comuni disturbi ereditari della coagulazione del sangue è la cosiddetta sindrome antifosfolipidica, che è un malfunzionamento del sistema immunitario. In questa malattia, gli anticorpi lavorano contro le proteine dell'organismo e fanno sì che nelle cellule del sangue e nei vasi si scatenino delle reazioni che fanno sì che il sangue si coaguli più rapidamente e possono anche portare a delle trombosi.

Tuttavia, anche il proprio stile di vita influenza i fattori di rischio per una grave coagulazione del sangue: il fumo, l'uso di cannabis, l'assunzione di contraccettivi ormonali, i lunghi viaggi in aereo o il sovrappeso favoriscono la tendenza alla trombosi.

Come puoi scoprire se hai un disturbo della coagulazione del sangue?

A seconda del disturbo della coagulazione del sangue di cui si soffre, la malattia può essere riconosciuta da diversi sintomi. Mentre la coagulazione del sangue molto debole è chiaramente riconoscibile, la coagulazione del sangue forte può spesso essere diagnosticata solo quando c'è già una trombosi.

Secondo la rete di medici specialisti "Primo Medico", i sintomi più comuni dell'emofilia, cioè la tendenza ad un aumento del sanguinamento, sono

  • Lividi frequenti che si verificano anche con bassa pressione e persistono per molto tempo.
  • Aumento del sanguinamento dalle gengive e dal naso
  • Post-sanguinamento da ferite più vecchie

Un segno nelle donne colpite con una debole coagulazione del sangue è un periodo mestruale insolitamente lungo.

Troppa coagulazione del sangue, invece, non è così facile da riconoscere. I sintomi fisici di solito si verificano solo quando un coagulo di sangue si è già formato. Questo si verifica spesso nelle vene della parte inferiore delle gambe e diventa evidente attraverso il dolore alle gambe che diventa sempre più forte. Se un paziente o una donna incinta sviluppa i sintomi di cui sopra, un medico può fare una diagnosi con l'aiuto di speciali test di coagulazione. Ecco perché una visita dal medico è importante anche se ci sono piccoli segni di un disturbo della coagulazione del sangue.

Quanto è pericoloso un disturbo della coagulazione del sangue in gravidanza?

Un disturbo della coagulazione con tendenza alla trombosi non solo può influenzare significativamente una gravidanza, ma è anche una possibile causa di un desiderio insoddisfatto di avere un figlio. Il fatto che il rischio di trombosi sia particolarmente alto durante la gravidanza è dovuto, tra l'altro, al fatto che l'equilibrio ormonale influenza fortemente la coagulazione del sangue, l'elasticità delle pareti delle vene diminuisce e si esercita una maggiore pressione sulle vene nella cavità addominale. Le donne incinte che hanno comunque un rischio aumentato (per esempio, a causa di una trombosi in famiglia) dovrebbero quindi essere esaminate da un medico regolarmente.

Un disturbo della coagulazione del sangue può impedire la gravidanza

Prima di tutto, una coagulazione del sangue genetica o acquisita troppo forte o troppo debole può impedire la gravidanza. Un disturbo della coagulazione può, per esempio, far sì che il rivestimento uterino non venga rifornito di sangue sufficiente, il che impedisce l'impianto dell'ovulo fecondato. Questo significa che le donne con un disturbo della coagulazione del sangue hanno un alto rischio di non rimanere incinta del tutto, o di perdere il bambino nelle prime settimane di gravidanza.

La coagulazione del sangue può portare a complicazioni durante la gravidanza

Se un embrione si è impiantato, può succedere che non sia sufficientemente alimentato attraverso la placenta. Allora il bambino non si sviluppa nel quadro medio. Questo può avere vari effetti tardivi, dal diabete ai problemi respiratori. Secondo Primo Medico, la ridotta coagulazione del sangue è anche una delle cause più frequenti di morte materna durante il parto o la gravidanza, motivo per cui deve essere trattata con farmaci.

Coagulazione del sangue dopo il parto

Dopo la nascita, la tendenza alla trombofilia rimane per un po'. Circa un mese dopo il parto, la coagulazione del sangue torna in equilibrio con le irregolarità causate solo dalla gravidanza. Durante la gravidanza e il puerperio, si raccomanda quindi di indossare calze a compressione se c'è poco movimento, al fine di ridurre il rischio di trombosi.

Come si può rimanere incinta nonostante un disturbo della coagulazione?

Se viene diagnosticata un'eccessiva coagulazione del sangue, questa può essere trattata con farmaci anticoagulanti chiamati "fluidificanti del sangue". Questi impediscono al sangue di formare coaguli. Durante la gravidanza o nelle donne che desiderano avere figli, il principio attivo eparina viene utilizzato per il trattamento perché è ben tollerato, ha pochi effetti collaterali e non passa nel corpo del feto attraverso la placenta. Il farmaco deve essere prescritto da un medico. L'eparina viene iniettata sotto la pelle. A seconda della causa e della gravità di un disturbo della coagulazione, vengono prescritti ulteriori integratori alimentari come magnesio, vitamina D o ferro.

L'ASA, abbreviazione di acido acetilsalicilico, che è contenuto nell'aspirina, tra le altre cose, è anche un fluidificante del sangue. Tuttavia, funziona diversamente dall'eparina. Anche se spesso lo si legge su internet come consiglio generale: gli anticoagulanti come l'ASA o l'aspirina non aiutano generalmente quando si vuole avere un bambino. Il trattamento non autorizzato può anche avere effetti negativi sulle donne incinte e l'assunzione deve sempre essere chiarita dal punto di vista medico.

Se si sospetta un disturbo della coagulazione come motivo per cui non si vuole avere un figlio, si dovrebbe chiedere consiglio a un ginecologo o a uno specialista della coagulazione. Lui o lei diagnosticherà e determinerà le cause di un disturbo della coagulazione. A seconda del caso, verrà prescritta una terapia con alcuni farmaci. Anche se è noto un disturbo ereditario della coagulazione in uno dei tuoi genitori, è meglio fare un esame del sangue prima di rimanere incinta. Se trattato correttamente, un disturbo della coagulazione non rappresenta un rischio per la gravidanza.