Facebook Pixel
Gravidanza

Com'è quando il parto è indotto?

Se il bambino è oltre il termine, il liquido amniotico è basso o i toni cardiaci sono in calo, i medici spesso raccomandano di indurre il travaglio. Ma cosa succede al corpo della donna durante l'induzione del travaglio? E come si sente il bambino? Due madri raccontano le loro esperienze.

Com'è indurre un parto: Le madri parlano delle loro esperienze.

Finalmente sei qui! Le donne in travaglio indotto artificialmente hanno maggiori probabilità di sperimentare un parto traumatico. Immagine: iStock

Quasi un parto su cinque è indotto in Svizzera. Questo è il doppio di quanto raccomanda l'Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) e anche molto più spesso di quanto i futuri genitori vorrebbero. Le paure del travaglio indotto sono giustificate? O è un buon modo per dare un po' di carica alla natura? E come ci si sente quando il corpo è spinto dagli ormoni artificiali a indurre il travaglio?

Due madri ci hanno raccontato le loro esperienze con l'induzione del travaglio. Entrambi hanno dato alla luce i loro figli all'ospedale universitario di Zurigo.

Protocollo di un'induzione del parto: Diana* (30 anni), una figlia (49 cm, 3340 g)

"Non avevo la sensazione che il bambino dovesse assolutamente uscire adesso".

È stata una buona gravidanza. O diciamo che andava bene. Ho avuto un leggero diabete gestazionale, un crescente dolore alla schiena e faceva troppo caldo in agosto. Ma non avevo la sensazione che il bambino dovesse assolutamente uscire adesso. In effetti, avevo un po' paura della nascita. Per questo sono rimasta sorpresa quando il mio ginecologo mi ha detto, il giorno della scadenza, che il mio liquido amniotico si stava esaurendo e che avrei dovuto partorire presto.

"Che cosa significa induzione, comunque?", ho chiesto. Avevo già affrontato il parto in casa, il parto in acqua e il parto sullo sgabello Inca, ma non il fatto che il mio corpo avesse bisogno di aiuto per far uscire il mio bambino.
Mi sarebbero stati somministrati ormoni che avrebbero favorito il travaglio, mi ha spiegato il ginecologo. "E quanto tempo ci vorrà?", volevo sapere. Ha detto che era impossibile da prevedere, qualsiasi cosa tra un giorno e cinque era possibile. Nonostante i progressi della medicina, non sappiamo ancora esattamente cosa scatena una nascita.

Allora perché si inducono, ho chiesto. Perché nessuno vuole rischiare, ha detto. Avevo il diabete gestazionale (il mio bambino pesava circa 3000 g alla data prevista per la nascita) e il liquido amniotico si stava esaurendo. Questo non mi rassicurava affatto.

Quando è indicata dal punto di vista medico l'induzione del travaglio?

  • in caso di aggravamento delle complicazioni della gravidanza, come la rottura prematura delle membrane (pre-eclampsia) senza insorgenza naturale del travaglio.
  • da SSW 42 a causa del rischio di trasmissione
  • alimentazione insufficiente del bambino attraverso il cordone ombelicale
  • in caso di malattia della madre o del bambino
  • per evitare un parto cesareo d'emergenza

Dovrei indurre perché il mio ginecologo non ha voluto correre rischi? Questo faceva di me una cattiva madre, che non volevo fare tutto per evitare qualsiasi rischio? Ho dubitato, ho cercato su Google, non riuscivo a decidere quale fosse la cosa giusta da fare. Da quel momento in poi, il controllo è scivolato via.

"Volevo allontanarmi dal CTG, pizzicava e prudeva".

Dovevo andare dal mio ginecologo nei due giorni successivi per misurare il mio battito cardiaco (CTG). Poi mi ha indirizzato all'ospedale universitario. Lì ha misurato di nuovo i toni cardiaci, tutto era a posto, ma la dottoressa ha detto che avrebbe comunque indotto. Sfortunatamente, non c'era spazio al momento. Dovrei andare a casa, fare la valigia e aspettare la chiamata. La chiamata non è arrivata, non per tre giorni. Poi il mio telefono ha suonato alle 6 del mattino e mi è stato detto di venire immediatamente.

Il fatto che potessero benissimo correre il rischio di farmi aspettare per giorni aumentava i miei dubbi. Dovevo partorire oggi perché una sala parto era libera. Non era così che me l'ero immaginato. Ma non è andata nemmeno così. Non oggi.

Io e mio marito siamo andati direttamente all'ospedale. Lì sono stato esaminato di nuovo. Cervice aperta di zero centimetri. Il cuore suona bene. Ora inizierebbero l'induzione.
L'ostetrica mi mise una flebo per darmi ossitocina per via endovenosa e mi tenne permanentemente collegata al CTG.

Non è successo niente per tutta la mattina. Solo nel tardo pomeriggio ho sentito delle leggere contrazioni, ma la mia cervice non si è aperta di un centimetro fino a tarda sera. Mi annoiavo, volevo allontanarmi dal CTG, che premeva e prudeva. Per distrarmi, mio marito ha giocato con me a "Chi sono io?
Si è deciso di togliermi la flebo di ossitocina per la notte e continuare la mattina. Mio marito è andato a casa e anche l'ostetrica. E sono rimasto da solo nella sala parto per tutta la notte.

"Abbandonato dalle ostetriche e dai medici".

Il giorno dopo l'ostetrica è venuta e ha detto che ora mi sarebbe stata data una doppia dose di ossitocina. Nessuno mi ha chiesto se lo volevo. Ho solo inciampato, ma non ho nemmeno detto nulla. Nella tarda mattinata sono iniziate lentamente contrazioni più forti. Ho pensato: va bene. Ora sta per iniziare. Ma non lo era. Le contrazioni diventavano sempre più forti, ma la mia cervice si apriva solo a passo di lumaca.

A un certo punto l'ostetrica è entrata e ha abbassato il registratore di contrazioni, che registrava la forza delle mie contrazioni. Ha detto che non era importante quanto fosse alta la curva, solo la frequenza era importante. Poi l'ostetrica mi ha messo la mano sulla schiena e mi ha detto che potevo avere dell'olio aromatico per il dolore.

Il dolore era il peggiore che avessi sperimentato fino a quel momento. Anche se mio marito mi teneva la mano e mi sosteneva come poteva, mi sentivo sola, abbandonata dalle ostetriche e dai medici. Nessuno mi aveva spiegato che le induzioni del travaglio sono di solito più dolorose e che possono verificarsi anomalie come contrazioni troppo frequenti e troppo forti. L'ho scoperto solo molto più tardi.

"Non sei così piagnucoloso dopo tutto"

Poiché il parto era ovviamente ancora lontano, ma le contrazioni erano sempre più forti e insopportabili per me, ho chiesto un'epidurale verso le 14. All'inizio hanno cercato di dissuadermi perché poteva ritardare il processo di nascita, ma dopo un'ora è arrivato l'anestesista. L'insegnamento doveva essere interrotto ogni due minuti perché mi contorcevo dal dolore e non ero ricettivo. Ho firmato, in qualche modo. L'epidurale è quasi andata male perché ho sussultato nel momento cruciale a causa di una contrazione.

Ma poi tutto è andato a finire bene. Sono rimasta sotto la flebo, ma le forti contrazioni si sono fermate e la cervice ha iniziato ad aprirsi a intervalli più rapidi. Il parto è poi avvenuto senza complicazioni e in tempi relativamente brevi, anche senza un'altra epidurale.

Il medico, che non avevo mai visto fino a dieci minuti prima del parto, ha ricucito la mia leggera ferita alla nascita alle 20:30 senza anestesia locale. E lei mi disse: "Non sei così piagnucoloso!

Potete leggere come è andata Caroline nella prossima pagina.

Le esperienze con l'induzione del travaglio variano ampiamente, ma le madri spesso riportano contrazioni relativamente forti ed esperienze di nascita traumatiche.

C'è bisogno di pazienza. Il tempo necessario perché il travaglio inizi dopo l'induzione del travaglio varia molto. Immagine: iStock

Protocollo di un'induzione del travaglio: Caroline (35 anni), secondo figlio (47 cm, 2950 g)

"Nessuno mi ha chiesto se lo volevo"

In realtà, volevo un parto in acqua. In qualche modo avevo immaginato una nascita più bella. L'acqua è poi arrivata in un parco giochi al coperto. Mi si sono rotte le acque due settimane prima della data prevista. Ma non avevo ancora avuto contrazioni. Così ho cercato su Google: se le mie acque scoppiano prematuramente, c'è un rischio maggiore di infezione e dovrei andare subito in ospedale. Dato che ero già un po' più esperta dopo un parto, sono andata prima in farmacia a comprare delle bende di garza spessa, poi a casa. Ho fatto una doccia confortevole, ho preparato con calma la valigia per l'ospedale e solo allora sono uscita con mio marito.

"Non voglio indurre il parto", ho detto al medico. Non accadrebbe nulla senza il mio consenso. Ora dovrei rimanere in ospedale per una notte in osservazione, forse il parto inizierà da solo per allora. Poi annuì, mi diede una pacca sulla spalla e disse: "Bisogna vedere" e se ne andò.

Sono stato trasferito nel reparto. Insieme alle donne in travaglio, alle donne che venivano spinte in sala parto, alle donne a cui venivano somministrati farmaci per indurre il travaglio, alle donne che venivano svegliate ogni tre ore per essere controllate. Non ho dormito. La mattina dopo mi è stata data una supposta di prostaglandina. Ha ammorbidito la cervice. Ora inizierebbero lentamente l'induzione. Nessuno mi ha chiesto se lo volevo, è stato semplicemente deciso. Ma non ho resistito nemmeno io. Mi è stata data anche la prossima e la prossima medicina. Non è successo niente per tutto il giorno, a parte i CTG e le regolari palpazioni cervicali. Mio marito e mia figlia mi hanno visitato in ospedale come se mi fossi rotta una gamba.

"Poi ho sentito la testa del mio bambino che premeva sul mio grembo".

Il pomeriggio successivo ho camminato su e giù per le scale dell'ospedale. Volevo avere il bambino adesso, volevo tornare a casa da mio marito e mia figlia, volevo poter dormire di nuovo la notte. Poi ho sentito la testolina del mio bambino premere sul mio grembo. Inizierebbe presto. Ero felice.

Quando tornai nella mia stanza alle cinque per il controllo organizzato e la prossima supposta, non venne nessuno. Solo due ore dopo mi è stato detto che stavano interrompendo l'induzione del travaglio. Tutte le sale parto erano occupate. La donna accanto a me ha chiesto un'epidurale. L'anestesista è venuto a tarda notte.

La mattina dopo sono stata svegliata alle sei e portata in sala parto. Invece delle supposte morbide, mi è stata data una flebo contraccettiva. Alle otto sono entrata comodamente in travaglio. Alle nove le contrazioni sono diventate più dolorose, ma sopportabili. Alle dieci e mezza il dolore era così forte che ho chiesto un'epidurale. Non è mai successo. Mezz'ora dopo è nato il nostro bambino. Perfettamente sano.

I rischi e gli effetti collaterali più comuni dell'induzione del travaglio

Le nascite indotte sono di solito più dolorose di quelle naturali perché non vengono prodotte abbastanza endorfine a causa dell'aggiunta artificiale di ormoni che favoriscono il travaglio. Può anche portare a una sovrastimolazione del lavoro. Il corpo produce contrazioni troppo forti e troppo frequenti. I bambini possono reagire all'induzione del travaglio con stress. Questo rende più probabili ulteriori interventi come epidurali e parti cesarei.

Rischi ed effetti collaterali secondo l'Ospedale Universitario di Zurigo

Madre:

  • Decorso del parto disturbato con anomalia del travaglio con contrazioni continue (distocia)
  • corso di nascita ritardato corso di nascita di più di 18 ore
  • esperienza traumatica di nascita
  • Aumento della probabilità di parto cesareo
  • Rottura dell'utero (rottura uterina)

Bambino:

  • Patologie CTG (frequenza cardiaca)
  • Anomalie di posizione (posizione sfavorevole del bambino per la nascita)

Secondo uno studio ormai frequentemente confermato con oltre un milione di nascite esaminate da Clarissa M. Schwarz e Beate A. Schücking(Adieu, normal birth, 2004), le donne che hanno avuto un travaglio indotto hanno avuto più frequenti interventi successivi rispetto alle donne il cui travaglio è iniziato naturalmente.

Probabilità di ulteriori interventi dopo l'induzione del travaglio

  • quasi il doppio delle volte un PDA
  • quasi due volte più spesso un decorso ritardato della nascita o un arresto della nascita nel periodo di apertura
  • uso più frequente del 60% di ulteriori ossitocici nel corso del travaglio
  • e due volte più spesso un parto cesareo non pianificato
  • il parto vaginale con ventosa o forcipe ha il 30% di probabilità in più di verificarsi
  • Quasi due volte più spesso l'aumento del sanguinamento post-operatorio

*I nomi sono stati cambiati dagli editori.