Facebook Pixel
Gravidanza

Ponte indiano per la presentazione podalica: incoraggiare delicatamente il bambino a girarsi

La maggior parte dei bambini gira la testa verso il basso prima della nascita. Alcuni, tuttavia, rimangono nella presentazione podalica. Con un esercizio di Hatha Yoga puoi cercare di convincere il tuo bambino a girarsi.

Il ponte indiano è progettato per far girare il bambino quando è in presentazione podalica.

Il ponte indiano può motivare il vostro bambino a spostarsi nella corretta posizione di nascita in presentazione podalica. Foto: Wavebreakmedia Ltd, Wavebreak Media, Thinkstock

Nella maggior parte dei casi, entro la 34a settimana di gravidanza, il bambino si trasforma nella cosiddetta posizione craniale, cioè a testa bassa, per assumere la posizione di partenza ottimale per la nascita. Ma in circa il cinque per cento delle gravidanze, i bambini rimangono seduti in posizione podalica. Con un esercizio delicato, potete motivare il vostro bambino a girarsi nella giusta direzione.

Come funziona il ponte indiano?

Il ponte indiano è originariamente un esercizio di Hatha yoga, dove è conosciuto come il "piccolo ponte". La donna incinta si sdraia sulla schiena con le gambe piegate e solleva il sedere verso l'alto. Sollevando più volte il bacino, le natiche del bambino dovrebbero scivolare fuori dal bacino della madre. Questo dà al bambino una migliore possibilità di girare. Inoltre, la posizione non è particolarmente comoda per il nascituro - è motivato a spostarsi in una posizione più comoda.
Lo stand-up oscillante alla fine serve per incoraggiare il bambino a fare una capriola nella pancia in una certa misura.

Quanto successo ha il ponte indiano?

Girare il bambino dalla posizione podalica dipende da così tanti fattori che è quasi impossibile attribuire chiaramente un giro ad un metodo o esercizio particolare. Ma Janni Terpstra Schläppi, ostetrica e insegnante di yoga, che ha condotto corsi di yoga con 280 donne incinte per dieci anni, è convinta che "con una pratica regolare, eventualmente intensificata [...] il rischio di BEL [nascita con presentazione podalica] può essere ridotto"(Schweizer Hebamme 6/2004).

Quali rischi ed effetti collaterali possono verificarsi?

Il ponte indiano non è una posizione comoda, né per la donna incinta né per il bambino, per cui il rilassamento che si cerca in questo esercizio spesso può non avvenire. Questo è inteso nella misura in cui il bambino deve essere indotto a girare attraverso la posizione scomoda. Tuttavia, l'utero molto ingrossato può premere sulla vena cava posteriore nella schiena della madre, il che può causare vertigini e nausea - anche svenimenti. È quindi consigliabile non fare l'esercizio da soli, ma sotto la supervisione di un partner che può fornire ulteriore supporto o di un'ostetrica.

Per eseguire il ponte indiano

Per questo, si prega di sdraiarsi sulla schiena su un tappetino da yoga o una superficie solida. Mettete i piedi alla larghezza delle anche e le braccia sciolte accanto al corpo con i palmi rivolti verso il basso. Inspira ed espira in modo rilassato. Poi, mentre espiri, solleva il bacino in modo che sia a circa 20 centimetri dal pavimento. Mantenete questa posizione per tutto il tempo che vi sentite a vostro agio e continuate a respirare in modo rilassato. Poi abbassate di nuovo il bacino e alzatevi con un po' di slancio su un lato.

Poiché l'esercizio è molto faticoso nella sua forma originale, soprattutto in gravidanza avanzata, è consigliabile elevare il bacino con l'aiuto di un cuscino a cuneo o simile e magari appoggiare le gambe su una sedia, il divano o il letto. In questo modo puoi mantenere questa posizione per dieci o quindici minuti. Non si tratta principalmente di sollevare il bacino il più spesso possibile, ma di mantenere il bacino in una posizione stabile per alcuni minuti.

L'importante è rilassarsi! Se hai nausea o vertigini o se hai dolore alla schiena, interrompi immediatamente l'esercizio.

Puoi iniziare l'esercizio dalla 32a settimana di gravidanza e farlo regolarmente più volte alla settimana. Se sente che il suo bambino si è girato, parli con il suo medico o l'ostetrica e faccia controllare la posizione del suo bambino.