Facebook Pixel
Salute

Ipnosi per bambini: Risolvere i problemi con il potere dell'immaginazione

Dalla paura del buio al trauma grave: la psicologa Ina Blanc usa l'ipnosi clinica con i bambini per risolvere i problemi. Come la trance aiuta i giovani pazienti - e perché davvero nessun bambino perde il controllo nel processo.

L'ipnosi con i bambini è uno strumento efficace nella psicoterapia.

Usando il potere della loro immaginazione, i bambini possono risolvere i problemi durante l'ipnosi. Immagine: Ina Blanc

"Una ragazza è venuta da me che aveva perso suo fratello in un incidente d'auto.Aveva spesso incubi e ricordi incontrollabili dell'incidente che continuavano a tornare", dice la psicologa Ina Blanc. Aveva pensato per un momento a quale caso avrebbe potuto usare per descrivere particolarmente bene il suo lavoro. Il suo modo di aiutare bambini e giovani come questa ragazza con i loro problemi o paure è straordinario - ma efficace.

Ci sono volute solo otto sessioni di Ina Blanc per aiutare questa ragazza a vivere con l'evento traumatico e a crescere da esso. Ina Blanc, psicologa del Centro di psicologia dello sviluppo e della personalità (ZEPP) dell'Università di Basilea, ha usato l'ipnosi clinica.

Quando usare l'ipnosi clinica con i bambini

La psicologa Ina Blanc usa l'ipnosi clinica particolarmente spesso con i bambini quando si tratta di controllare le emozioni, per esempio nel caso di forti scoppi di rabbia o paure. Tratta anche i traumi con l'aiuto dell'ipnosi. Utilizza anche tecniche di ipnosi per migliorare la performance, la paura del palcoscenico o le difficoltà di concentrazione.

"Parte del lavoro psicoterapeutico prevedeva esercizi di immaginazione in uno stato di trance. Nell'immaginazione, la ragazza era in grado di fornire le immagini di cattivi ricordi in una grande cassa di legno", spiega. La ragazza ha poi seppellito la cassa, ma ha conservato la chiave e l'ha messa nel cassetto della sua scrivania.

"Nella sua immaginazione, ha trasformato i bei ricordi di e con il suo fratellino in perline colorate che ha infilato su una catena d'oro. La ragazza immaginava di indossare la collana per avere sempre con sé i preziosi ricordi".

Dopo otto sessioni, la bambina era in grado di dormire di nuovo da sola e aveva trovato un modo per convivere con l'esperienza drammatica - e persino crescere da essa.

Sfruttare il potere dell'immaginazione

Non tutti i casi che Ina Blanc tratta con i metodi dell'ipnosi riguardano ricordi terribili. Racconta anche di una ragazza che venne da lei per una grave paura del palcoscenico e di un bambino che riuscì a superare la sua paura della scuola dopo poche sedute.

Ina Blanc tratta regolarmente bambini e adolescenti che, per esempio, soffrono di ansia, hanno difficoltà di concentrazione o non riescono a controllare le loro emozioni. E lo fa quasi sempre con metodi di ipnosi clinica.

Tuttavia, non le piace usare il termine ipnosi quando parla del suo lavoro. "La gente conosce l'ipnosi da spettacolo dalla televisione. E questo è qualcosa di completamente diverso da quello che facciamo qui", dice. Preferisce parlare di usare l'immaginazione dei suoi pazienti per visualizzare i problemi e cambiare queste immagini in modo costruttivo.

L'immagine comune dell'ipnosi è sbagliata

Molte persone associano l'ipnosi alla perdita di ogni controllo. I film e i libri trasmettono spesso una falsa immagine dell'ipnosi: Un uomo improvvisamente chioccia come un pollo perché l'ipnotizzatore ha voluto così. E questo dovrebbe essere un mezzo efficace di psicoterapia?

"Nell'ipnosi clinica, il paziente mantiene il controllo delle sue immagini, dei suoi pensieri e del suo comportamento. Per me, durante una seduta di Ipnosi Clinica, è come se potessi programmare me stessa in questo stato", contesta Ina Blanc, spiegando come funziona l'ipnosi medica. Vale a dire, molto diversamente da come molti credono.

L'ipnosi clinica, dice Ina Blanc, "non è una forma di psicoterapia di per sé, ma solo un metodo all'interno della psicoterapia che utilizza gli stati di trance per lavorare sulle questioni desiderate in modo mirato".

La trance assomiglia al sogno ad occhi aperti

Lei paragona lo stato di trance al sogno ad occhi aperti, come probabilmente tutti lo conoscono: quando si guarda fuori dalla finestra o si è completamente trasportati da un buon libro, assomiglia ad uno stato ipnotico.

Tuttavia, Peter Sandor, neurologo e presidente della Società Medica Svizzera per l'Ipnosi, sottolinea: "Le misurazioni delle onde cerebrali e l'imaging dimostrano che l'ipnosi è uno stato tutto suo" e descrive l'ipnosi come uno stato di concentrazione rilassata in cui ci si può concentrare interamente su ciò che è importante in quel momento.

Potete immaginarlo così: Durante l'ipnosi, non ci si trova più in una stanza illuminata dove si possono vedere vari oggetti ed essere costantemente distratti. Secondo Peter Sandor, lo stato di trance durante l'ipnosi è più paragonabile ad una stanza buia dove si fa brillare la luce di una torcia sull'oggetto di interesse.

Così in uno stato di trance guidata come parte della psicoterapia, si può guardare un problema in modo concentrato - e rimanere completamente rilassati. "Si vedono le cose in modo costruttivo e flessibile e si guarda ciò che succede come da una prospettiva a volo d'uccello", spiega Ina Blanc.

Ipnosi possibile per i bambini a partire dai quattro anni

La psicologa ama usare l'ipnosi clinica con i bambini per lavorare in modo psicoterapeutico perché, come dice lei, il comportamento desiderato può essere praticato rapidamente in modo giocoso e fantasioso. Funziona con bambini a partire da quattro anni.

Ma come fanno i bambini ad entrare in uno stato di trance? "Ci sono alcuni metodi che possono facilitare lo stato di trance", dice. "Per esempio, rallento il ritmo del mio discorso e parlo a bassa voce". E poi Ina Blanc attiva l'immaginazione dei suoi piccoli pazienti.

"Immaginate...", dice e lascia che i bambini si immergano nel suo mondo di fantasia. Un luogo sicuro, per esempio, dove si sentono a loro agio e hanno accesso a tutte le loro risorse, a tutte le loro potenzialità e forze che sono già dentro di loro per superare i problemi.

In seguito, fa trovare ai bambini un simbolo corrispondente che ricorderà loro questo luogo sicuro anche dopo l'ipnosi e che può innescare quella sensazione confortante del corpo.

I bambini continuano a giocare

Secondo Ina Blanc, durante l'ipnosi i bambini sono sempre reattivi e hanno il pieno controllo della situazione. Alcuni continuano a giocare durante questo tempo, dice, correndo per la stanza con gli occhi aperti.

Racconta di una ragazza che aveva molta paura di andare a scuola per mesi. La bambina vomitava continuamente lì, la sensazione di nausea si impadroniva davvero di lei.

"Con l'aiuto dell'ipnosi, dopo appena una o due sedute, la ragazza ha imparato a controllare questa sensazione e a sostituirla con una positiva. Attraverso le sessioni di ipnosi, il bambino aveva acquisito fiducia in se stesso. Ha imparato che può avere il controllo di ciò che accade.

Quando il sentimento è più importante della comprensione

Ma quanto può essere efficace una terapia con l'ipnosi per i bambini se il sintomo scompare, per esempio il vomito, ma la causa rimane poco chiara?

Ina Blanc spiega: "L'ipnoterapia non si limita al livello di significato, ma può lavorare su diversi livelli. Può essere che anche se il terapeuta ha ipotizzato la causa e la funzione del sintomo, il paziente non vuole o non può capire la parte razionale. Questo non cambia l'efficacia dell'ipnoterapia, perché nell'immaginazione si possono tradurre i sentimenti in immagini e poi cambiarli senza dover capire intellettualmente perché si hanno quei sentimenti".

Ma se il paziente lo desidera, esplora anche le cause dei problemi. "Nell'ipnosi si possono fare entrambe le cose", dice. "Poiché si ha una visione a volo d'uccello, si possono improvvisamente vedere connessioni che prima erano nascoste".

Come trovare un terapeuta adatto per l'ipnosi nei bambini

L'ipnotista non è un titolo professionale protetto. Pertanto, ci sono molti fornitori che non hanno una formazione completa in ipnosi e spesso nemmeno una formazione psicoterapeutica. Pertanto, al momento della scelta, i genitori dovrebbero assicurarsi che il terapeuta abbia un certificato di competenza da una società di ipnosi riconosciuta. In Svizzera, questi sono la Società Medica Svizzera per l'Ipnosi www.smsh.ch e la Società per l'Ipnosi Clinica Svizzera www.hypnos.ch.

Non è sempre facile risolvere i problemi solo razionalmente e con le parole. È almeno altrettanto difficile spiegare l'effetto dell'ipnosi in psicoterapia con le sole parole. Per questo Ina Blanc ama fare un esercizio pratico all'inizio delle sessioni con i genitori presenti alla consultazione iniziale.

Come i genitori capiscono l'ipnoterapia

Le madri e i padri stanno al centro della stanza. "Angola il braccio destro di 90 gradi e gira il busto più indietro che puoi", dice poi Ina Blanc. "È il massimo che puoi fare?" Il braccio fa male. Non va davvero oltre.

"Bene. Ricordate il punto del muro a cui siete arrivati. Poi torna alla posizione di partenza. Ora fate lo stesso nella vostra immaginazione. Gira al punto del tuo massimo assoluto. Ora, nella vostra immaginazione, andate oltre quel punto. 5 centimetri. Dieci centimetri. Appena oltre il tuo massimo assoluto".

Quando la rotazione è completata nell'immaginazione, dice: "Ora rifate il movimento nella realtà - senza muovere i piedi, naturalmente" e subito la maggior parte dei genitori supera il primo tentativo. "L'hanno fatto mentalmente. Questo è stato il primo passo", spiega Ina Blanc, usando l'esercizio per illustrare il suo lavoro: "Nell'ipnosi si possono tradurre le emozioni in immagini e cambiare queste immagini. Questo ha un effetto incredibile sulla vita dopo. Anche per me, è incredibile ogni volta".

Il percorso di Ina Blanc verso l'ipnoterapia

Ina Blanc usa l'ipnosi con i bambini

Ina Blanc si è imbattuta nell'ipnosi come forma di terapia a causa di una sua esperienza: "Avevo l'ansia da esame dopo un primo fallimento alla scuola di medicina", poi ha cambiato materia e ha studiato psicologia. "Prima degli esami sono andato all'ipnosi, dove abbiamo lavorato sulla mia ansia da esame con immagini. Da allora, sono stato completamente convinto".

Ina Blanc è psicologa specializzata in psicologia del bambino e dell'adolescente FSP presso il Centro di Psicologia dello Sviluppo e della Personalità (ZEPP) dell'Università di Basilea e responsabile dei corsi di formazione avanzata in psicologia del bambino e dell'adolescente WB KJP. Ha tre figli.