Facebook Pixel
Salute

Morso di zecca? Come rimuovere correttamente le zecche

La trasmissione di malattie pericolose dopo un morso di zecca può essere prevenuta. Per farlo, rimuovere la zecca il più rapidamente e correttamente possibile. I rimedi casalinghi non sono una buona idea per rimuovere le zecche. Ecco come puoi aiutare te stesso, i bambini o il tuo cane dopo un morso di zecca.

Rimuovere correttamente le zecche.

Le zecche devono essere rimosse il prima possibile. Immagine: iStock

Le zecche in realtà non mordono. In ogni caso, gli esperti danno importanza a questa sottile differenza. Quelli che sono stati morsi loro stessi, d'altra parte, possono non preoccuparsi se si tratta di un morso dizecca o di un morso di zecca. L'unica cosa importante è che la zecca deve essere rimossa. E deve essere rimosso il più rapidamente e senza complicazioni possibile!

Il morso di una zecca può trasmettere malattie e virus ad adulti, bambini e animali. La salivazione della zecca può portare alla trasmissione diretta degli agenti patogeni (per esempio meningoencefalite di inizio estate, TBE o malattia di Lyme).

Oppure gli agenti patogeni viaggiano dall'intestino della zecca fino alla bocca dell'adulto o del bambino colpito e solo allora raggiungono l'uomo, come nel caso della trasmissione della malattia di Lyme. Dato che questo richiede un po' di tempo, c'è una buona possibilità che si possa prevenire un'infezione rimuovendo la zecca in anticipo.

La trasmissione negli adulti e nei bambini morsi è ancora abbastanza improbabile nelle prime 8-24 ore. Se si rimuove la zecca correttamente ora, di solito non si deve temere l'infezione.

Rimuovere correttamente le zecche: spiegato passo dopo passo

Rimuovere correttamente le zecche.

Immagine: iStock

1 Rimozione delle zecche: i rimedi casalinghi sono tabù

La supercolla, lo smalto per le unghie o l'olio sono rimedi domestici ben noti per rimuovere le zecche, ma oggi sappiamo che sono controproducenti. Questi rimedi domestici hanno più probabilità di far vomitare la zecca che di farla staccare dalla pelle. La supercolla, lo smalto per le unghie e simili aumentano la probabilità che la zecca rilasci agenti patogeni nocivi dall'intestino nella pelle umana. A proposito, anche se si rimuove una zecca dalla pelle con le dita, si esercita involontariamente una pressione sul corpo della zecca e si causano secrezioni infettive dall'intestino per entrare nella pelle umana attraverso la cavità orale.

2 Rimozione delle zecche: usare pinze per zecche o pinzette

Per rimuovere la zecca senza lasciare residui, bisogna fissarla saldamente alla testa e tirarla fuori dalla pelle. Anche se le pinzette ordinarie possono essere utilizzate per questo scopo, le pinzette speciali per zecche o le pinze per zecche forniscono una presa molto migliore e quindi una migliore gestione. Anche le cosiddette carte di spunta funzionano bene. Si tratta di carte di plastica con una piccola fessura in cui si inserisce la zecca in testa.

3 Quando si toglie la spunta, tirare, non torcere.

Quando si rimuove una zecca correttamente, la zecca viene fissata alla testa e rimossa dalla pelle con un tiro deciso, rapido e particolarmente uniforme. È importante fare la rimozione in una sola volta per ottenere un certo effetto sorpresa sulla zecca ed evitare così che morda più intensamente. Si prega di non torcere l'animale. Questo potrebbe causare la lacerazione della zecca, lasciando dei resti nella pelle.

4 I morsi di zecca innocui non hanno bisogno di essere trattati di regola.

Dopo aver rimosso la zecca, una piccola area arrossata della pelle può rimanere, ma questo di solito scompare da solo dopo pochi giorni. A questo proposito, in realtà non c'è quasi nulla da fare per la cura post-morso di zecca, se non controllare che nessun residuo sia davvero rimasto nella pelle e disinfettare accuratamente il sito del morso.

5 Raccogliere la zecca e prendere appunti

Dopo aver rimosso la zecca, non dovrebbe essere gettata via, ma idealmente conservata in un piccolo sacchetto ben chiuso. Se sorgono complicazioni, la zecca può essere esaminata in un laboratorio per gli agenti patogeni. È anche meglio prendere nota della data del morso e di qualsiasi caratteristica insolita.

Quando è necessario vedere un medico dopo un morso di zecca

Non tutte le zecche trasmettono automaticamente delle malattie. Una visita dal medico è quindi necessaria solo se ci sono sintomi evidenti come una sensazione di influenza, febbre, mal di testa, articolazioni gonfie, pelle scolorita o arrossata o infiammazione nei giorni successivi.
Anche se parti dell'apparato boccale della zecca sono rimaste nella pelle, una visita dal medico non è obbligatoria. Normalmente, il residuo viene automaticamente trasportato fuori dalla pelle nei giorni successivi. Tuttavia, se si scoprono particolarità insolite, una visita al medico di famiglia è sempre consigliabile.

Possibili malattie virali:

Meningoencefalite estiva precoce (TBE)

La meningoencefalite estiva precoce (TBE) è scatenata dal virus TBE e può attaccare le meningi e il sistema nervoso centrale dell'uomo. Secondo le stime, il rischio di contrarre la TBE dopo un morso di zecca nelle aree a rischio è fino a 1 su 150.

Malattia di Lyme (borreliosi di Lyme)

La malattia di Lyme è innescata da alcuni batteri nelle zecche, la cosiddetta Borrelia. La malattia di Lyme si sviluppa gradualmente e può passare attraverso tre fasi. Un segno tipico all'inizio è il cosiddetto rossore vagante.

La vaccinazione contro le zecche è raccomandata nelle aree a rischio

Per i cani, speciali repellenti per zecche o collari si sono dimostrati efficaci nel prevenire i morsi di zecca; per gli esseri umani, la vaccinazione può essere utile. Le farmacie offrono la vaccinazione contro le zecche. Questi proteggono contro la trasmissione della meningoencefalite estiva precoce (FSME), ma purtroppo non esiste ancora una vaccinazione contro la malattia di Lyme. La vaccinazione è di solito ben tollerata e consiste in tre vaccinazioni che devono essere rinnovate ogni dieci anni. La vaccinazione contro le zecche è raccomandata soprattutto alle persone che vivono in zone a rischio. Potete controllare qui se vivete in una tale regione.