Facebook Pixel
Vita

Assistenza sociale: quello che le famiglie devono sapere

Cosa fare quando il denaro non basta più? Quando le famiglie vogliono informarsi sull'assistenza sociale, è spesso difficile per loro capire quali sono i loro diritti e doveri. Abbiamo compilato le domande e le risposte più importanti.

Quando le famiglie fanno domanda per l'assistenza sociale, sorgono molte domande.

Quando il denaro non è più sufficiente, le famiglie possono chiedere l'assistenza sociale. Immagine: LEOCrafts, Getty Images

La legge sull'assistenza sociale in Svizzera non è facile da seguire. Ogni cantone ha i suoi regolamenti. Ma standard uniformi si applicano a molte questioni importanti, seguendo le linee guida della Conferenza svizzera sull'assistenza sociale (SKOS). Abbiamo registrato le risposte alle domande più pressanti.

1 Come viene calcolato il diritto all'assistenza sociale?

L'assistenza sociale non dovrebbe coprire solo i bisogni necessari alla mera sopravvivenza (per esempio il cibo). La persona assistita deve anche essere in grado di vivere in modo simile ai non assistiti. L'assistenza sociale non è responsabile dei lussi sociali, ma deve rendere possibile un'adeguata partecipazione alla vita sociale, ed è per questo che l'importo a cui hanno diritto i beneficiari è chiamato anche minimo di sussistenza sociale.

Questo livello di sussistenza include la capacità della persona assistita di mantenere contatti sociali e familiari, di vivere in un appartamento e di soddisfare adeguatamente i propri bisogni di comunicazione, mobilità, cultura e informazione.

2 Quanto costa l'assistenza sociale e quali costi copre?

La prima parte di questo minimo vitale nel diritto dell'assistenza sociale è la sicurezza materiale di base della persona assistita. Questo include i costi di alloggio riconosciuti a livello locale, le cure mediche di base e i bisogni di sussistenza di base, che sono definiti con precisione nelle linee guida di SKOS.

Secondo queste linee guida, il bisogno fondamentale è

  • Per una persona 986 franchi
  • Per due persone 1509 franchi svizzeri
  • Per tre persone 1834 franchi
  • Per quattro persone 2110 franchi
  • Per cinque persone 2386 franchi
  • Per ogni persona in più un supplemento di 200 CHF.

Queste necessità di base includono cibo, vestiti e quote associative. Potete trovare maggiori informazioni qui.

La seconda parte dell'assistenza sociale consiste in prestazioni legate alla situazione. Nell'area della famiglia, queste includono le spese speciali per la cura dei bambini, le spese per i diritti di visita, le spese per le attività del tempo libero per i bambini e gli adolescenti, o il sostegno socio-educativo della famiglia. L'assistenza sociale, invece, non copre i debiti.

3 Quando si può ridurre l'assistenza sociale?

Tutti i redditi e i beni che sono disponibili sono contati per l'assistenza sociale. La legge sull'assistenza sociale considera, per esempio, i pagamenti di mantenimento da parte di un genitore o i pagamenti di sostegno da parte dei coniugi come reddito della persona sostenuta. Anche gli alimenti anticipati, che vengono pagati se un genitore non soddisfa il suo obbligo di mantenimento, sono considerati reddito. Se un bambino è sostenuto con l'assistenza sociale e allo stesso tempo ha dei diritti all'assegno alimentare, questi diritti sono trasferiti all'autorità di assistenza sociale.

Regole speciali si applicano ai bambini: Se, per esempio, la nonna ha aperto un conto di risparmio di diverse migliaia di franchi specificamente per l'istruzione del nipote o per l'acquisto di un'automobile, questo cosiddetto patrimonio gratuito del bambino non può essere preso in considerazione nel calcolo dell'assistenza sociale.

Non c'è un importo massimo per i beni liberi del bambino. Tutto il denaro rimane quindi intatto nel conto in modo che il bambino possa un giorno usarlo per finanziare un'istruzione o comprare una macchina. Se la nonna avesse lasciato il conto di risparmio senza uno scopo particolare, il ricavato potrebbe essere utilizzato per le spese di vita del bambino. Tuttavia, dovrebbe essere presentata una domanda all'autorità di protezione dei minori per la realizzazione dei beni stessi.

L'assistenza sociale può anche essere ridotta se i beneficiari non adempiono ai loro doveri. Hanno il dovere di integrarsi, cioè devono cercare di trovare un lavoro. Se lo fanno in modo insufficiente, i loro benefici possono essere ridotti. Tuttavia, le autorità di assistenza sociale dovrebbero considerare il caso individuale. Per esempio, ci sono bambini e giovani nella famiglia? Non dovrebbero subire una riduzione dei benefici. Qui ci sono diverse procedure cantonali.

4 Chi ha diritto all'assistenza sociale?

Per il calcolo dell'assistenza sociale, si fa una distinzione tra la famiglia tradizionale, l'unione non matrimoniale (coabitazione), la comunità di vita e di convivenza di tipo familiare e la comunità di convivenza costruita appositamente:

La famiglia

Secondo la legge sull'assistenza sociale, la famiglia che vive insieme è considerata l'unità di sostegno economico. Questo significa: la famiglia è sostenuta nel suo insieme, anche se uno dei membri della famiglia da solo non avrebbe bisogno di sostegno. D'altra parte, però, tutte le persone che vivono nella famiglia sono anche obbligate a mantenersi a vicenda, ed è per questo che i loro rispettivi beni e redditi vengono sommati. Le coppie registrate dello stesso sesso sono trattate come le coppie sposate e sono anche considerate come un'unità di sostegno.

Un genitore single forma anche un'unità di sostegno con i suoi figli minori. I genitori single sono particolarmente colpiti dalla povertà in Svizzera. Di solito, l'obiettivo è che il genitore single ritorni al lavoro non appena il figlio più piccolo ha almeno un anno. Tuttavia, le circostanze speciali sono prese in considerazione, per esempio se il bambino ha una disabilità.

Coppie non sposate - Partner conviventi

I partner conviventi non sono considerati un'unità di sostegno economico. Pertanto, solo la persona bisognosa viene sostenuta con l'assistenza sociale. Tuttavia, se la partnership è classificata come simile al matrimonio, un contributo di sostegno del partner non bisognoso può essere richiesto. Questo può accadere se la convivenza esiste da almeno due anni o se la coppia vive insieme con un figlio comune. Tuttavia, le autorità considerano ogni caso di nuovo e decidono individualmente.

Comunità residenziali e di vita di tipo familiare

Se coppie o gruppi vivono insieme in modo permanente senza formare un'unità di supporto, sono considerati accordi di vita simili alla famiglia. Queste sono, per esempio, le coppie conviventi, che non sono considerate come il matrimonio, o la coppia di genitori con figli adulti in una sola famiglia. Se una persona è in difficoltà, viene sostenuta solo con l'assistenza sociale. Tuttavia, poiché la convivenza (gestione congiunta della famiglia) riduce le spese per l'affitto, il bucato, il cibo e così via, per esempio, l'assistenza sociale viene adattata alla situazione.

Persone in comunità residenziali a scopo speciale

Le persone in appartamenti condivisi appositamente costruiti non gestiscono la casa insieme e pagano il cibo, per esempio, da sole. Tuttavia, alcuni costi sono più bassi, per esempio per lo smaltimento dei rifiuti, internet o la pulizia - e naturalmente l'affitto. Per questo motivo, le linee guida di SKOS prevedono una riduzione dell'importo per le necessità di base del 10 per cento nel caso di una comunità di condivisione di appartamenti a scopo speciale.

5 Dove e come richiedere l'assistenza sociale?

L'assistenza sociale può essere richiesta al servizio sociale del comune di residenza. I richiedenti si presentano di persona presso l'autorità e rivelano il loro reddito e patrimonio in modo che possa essere presa una decisione sul diritto all'assistenza sociale.

6 L'assistenza sociale deve essere rimborsata?

In alcuni casi, l'assistenza sociale paga degli anticipi, per esempio, se una pensione AI non è ancora stata pagata. Questi anticipi devono essere rimborsati in seguito.

Anche l'assistenza sociale ricevuta illegalmente deve essere restituita, per esempio, se non c'è alcun diritto perché il reddito salariale non è stato dichiarato.

Tuttavia, anche l'assistenza sociale pagata legalmente deve essere restituita non appena la persona sostenuta o l'unità di sostegno ha di nuovo beni o reddito. Tuttavia, poiché l'obiettivo dell'assistenza sociale è che la persona assistita sia di nuovo finanziariamente autosufficiente, le linee guida di SKOS raccomandano di rinunciare al rimborso del reddito guadagnato successivamente. La dottrina giuridica è generalmente critica nei confronti del rimborso dell'assistenza sociale legittimamente ricevuta al di fuori dei pagamenti anticipati.

Tutte le persone o unità che hanno ricevuto assistenza sociale sono obbligate a rimborsare - anche se il contributo di assistenza sociale per i bambini non deve essere rimborsato in ogni caso. Per esempio, se il bambino è collocato in modo permanente presso una terza persona e quindi forma una propria unità di sostegno, non deve restituire successivamente il contributo di assistenza sociale. Se il bambino vive con i suoi genitori e quindi forma un'unità di sostegno con loro, i genitori possono essere obbligati a restituire i contributi anche per i figli. In alcuni casi, tuttavia, i contributi per i bambini sono dedotti dal contributo di rimborso.

Assistenza sociale in Svizzera

Guido Wizent è un esperto nella richiesta di assistenza sociale per le famiglie.

Le informazioni contenute in questo testo sono state fornite da Guido Wizent, co-responsabile dei servizi giuridici presso il Dipartimento degli affari economici, sociali e ambientali del Cantone di Basilea Città, responsabile del settore dell'assistenza sociale.