Facebook Pixel
Vita

Concubinaggio: vantaggi e svantaggi

La convivenza - ancora vietata in alcune parti della Svizzera fino al 1995 - fa ormai parte della vita quotidiana. Sempre più coppie vivono insieme non sposate,a volte con bambini. Anche se le coppie senza certificato di matrimonio sono su un terreno incerto dal punto divista legale e giuridico, vedono alcuni vantaggi nella loro forma di partnership.

La convivenza porta vantaggi e svantaggi.

La convivenza è ideale per tutte le coppie che provano a vivere insieme senza volersi impegnare. Foto: iStock, Thinkstock

La convivenza ha da tempocessato di essere insolita- una tendenza che è stata evidente per decenni: nel 1980, per esempio, solo il quattro per cento di tutte le coppie vivevano insieme senza essere sposate - 20 anni dopo, nel censimento del 2000, era già l'undici per cento.

Partner in convivenza: Vantaggi

Ci devono essere delle ragioni per questo. "Per il 31% delle coppie conviventi, unaspetto finanziario è decisivo, il risparmio fiscale", ha rilevato un sondaggio dell'Observer. Infatti: le coppie non sposate di solito pagano meno tasse delle coppie sposate che sono valutate congiuntamente. Perchéè regolato: più altoè il reddito di unapersona, più tasse sono dovute.

"Questa circostanza è stata nel mirino dei politici per molto tempoe dovrebbe cambiare. Sono in corso sforzi per armonizzare la tassazione. In alcuni casi, c'è già un leggero privilegiofinanziario per le coppie sposate", spiegano gli avvocati Bürgi Nägeli di Zurigo.

Coloro che non sono sposati, tuttavia, non sono affatto preoccupati solo del denaro. "Quasi il 20% delle coppie non vuole impegnarsi troppo rapidamente", dice l'osservatore. Questo risultato si riflette anche nel "Rapporto sociale statistico Svizzera 2011": la convivenza senza certificato di matrimonio è spesso vista come un modello di transizione tra il trasferimento dalla casa dei genitori e ilmatrimonio. Quindi i giovani in particolare apprezzano la convivenza come un modo per provare la vita di coppia e rimanere comunque indipendenti - cioè senza doversi impegnare e sposarsi subito.

Partner in convivenza: svantaggi

Nonostante i vantaggi che molte coppie vedono nella convivenza, il matrimonio è ancora molto popolare. Anche se meno persone si sposano oggi rispetto al passato, quelli che scelgono la convivenza non lo fanno di solito per tutta la vita.

"In Svizzera ci si sposa ancora per lo più quando siprogetta una famiglia o quando un bambino è già in arrivo", si legge nel rapporto statistico "Famiglie in Svizzera" pubblicato dall'Ufficio federale di statistica (UST) nel 2008. Secondo questo rapporto, l'età del primo matrimonio è di circa 29 anni per le donne e 31 per gli uomini. La Fondazione Collettiva per le Persone Mediche (VSM) conclude: "Vivere insieme, sposarsi - invecchiare insieme: Secondo i sondaggi tra i giovani, questo ideale ha ancora una grande importanza".

Questo non è sorprendente. Chi vive insieme senza essere sposato vive su un terreno insicuroe, soprattutto con un bambino in comune, le tutele sonofondamentali.

La convivenza, anche se diffusa oggi come forma di vivere insieme come partner, è in gran parte non regolata dalla legge.

Opuscolo del partenariato VSM

Pertanto, le coppie non sposate stanno in molticasi peggio delle coppie sposate.

Esempi: Svantaggi nella convivenza

Alcuni casi statutari e legali sono regolati in modo svantaggioso per i partner in convivenza. Per esempio,nell'appartamento comune, solo la persona che ha firmato il contratto d'affitto è obbligata a pagare l'affitto. L'altro partner non hadiritto alla protezione contro il licenziamento.

Nel caso di coppie conviventi, l'uomo non è automaticamente riconosciuto legalmente come padre delbambino: deve prima affermare formalmente la paternità all'ufficio dello stato civilee farla registrare. Nel caso di coppie sposate, invece, l'uomo è automaticamente riconosciuto come padre delbambino. Se non lo è, può contestare la paternità.

Finché i partner non sono sposati, il bambino può prendere il cognome del padre solo in casi eccezionali - cioè se i genitori possono dimostrare concretamente che il bambino ha svantaggi reali a causa del nome della madre. In definitiva,il governo del cantone di residenza decide sul cognome del figlio comune.

Un padre non sposatonon ha inizialmentediritto alla custodia. La custodia delbambino è esercitata dalla sola madre. Chiunque voglia esercitare la custodiacongiunta delbambino deve redigere un accordo sul mantenimento e la cura e chiedere l'approvazione dell'autorità tutoria.

Il diritto ereditario non prevede una quota obbligatoria per i partner conviventi - anche se la coppia ha vissuto insieme per decenni. Anche un testamento non può sempre tenere conto del partner come desiderato:il testamento prevede che la priorità sia data alle persone che hanno diritto alle quote obbligatorie: Genitori e discendenti.

Concludere un accordo di convivenza

"Raccomandiamo a tutte le coppie non sposate di mettere i loro accordi per iscritto in un accordo di convivenza. Anche le procure dovrebbero essere regolamentate", dice Monika Göldi, consulente di bilancio al Women's Centre Schaffhausen. I centri di consulenza finanziaria aiutano a trovare soluzioni individuali.

Partner convivente: Creare la lista dell'inventario

"Ha senso che i partner conviventi facciano un inventario di tutti i beni conferiti e che entrambi i partner firmino questa lista", consiglia Monika Göldi. "È anche consigliabile non fare acquisti con fondi comuni.

Partner conviventi: non mettere in comune i salari

Anche i salari non dovrebbero essere combinati. Secondo Monika Göldi, la situazione legale per ipartner conviventi rimane chiara, specialmente se ogni partner gestisce il proprio reddito e patrimonio e paga le proprie spese personali.

Partner conviventi: ripartire equamente i costi comuni

Che si tratti di affitto, elettricità, gas, telefono, assicurazione o giornali, molti costi riguardano entrambi i partner. I costi comuni dovrebbero quindi essere registrati in modo che possano essere condivisi equamente. Monika Göldi: "E la capacità finanziaria di entrambi i partner deve essere presa in considerazione".