Facebook Pixel
Vita

Deluso da tuo figlio: come gestire le tue emozioni

È un grande tabù: essere delusi dal proprio figlio come genitore. Eppure questo sentimento può insinuarsi quando il bambino non soddisfa le aspettative e i desideri. Spesso i genitori cercano poi di cambiare il comportamento del bambino, il che di solito risulta in una grande frustrazione da entrambe le parti. Lo psicoterapeuta René Hess spiega come i genitori possono affrontare aspettative e delusioni.

Quando si tratta di prestazioni accademiche, i genitori sono spesso frustrati quando il bambino non soddisfa le loro aspettative.

Essere delusi dal proprio figlio è un sentimento naturale e umano. Immagine: damircudic, E+

C'erano così tanti desideri e aspettative - ma poi il bambino si sviluppa in modo diverso. Quando i genitori sono delusi dal proprio figlio, spesso provano rabbia o tristezza. Tuttavia, ammettere di essere stati delusi dalla propria prole è fuori questione. Ma qual è il modo giusto per affrontare questa sensazione? René Hess, psicoterapeuta di Berna, ha qualche consiglio.

Signor Hess, come succede che i genitori sono delusi dai loro figli?

La delusione si basa su certe aspettative. Quando i genitori sono delusi dal loro bambino, le aspettative di come il bambino dovrebbe comportarsi o di come non dovrebbe assolutamente comportarsi sono deluse. Le aspettative sono quindi determinate aspettative di destinazione.

Quali sono le aspettative dietro questo? Ha un esempio?

Per esempio, i genitori possono aspettarsi certi risultati accademici. Vogliono poi che il bambino vada bene al liceo. I genitori a volte hanno anche certe aspettative professionali nei confronti del figlio - per esempio, che lui o lei segua le loro orme e prenda in mano gli affari dei genitori. Ma ci sono anche aspettative che hanno dimensioni minori. Per esempio, i genitori possono aspettarsi che il bambino riesca a parlare educatamente con gli adulti o che metta da parte un gioco al computer dopo un po'.

Come possono i genitori affrontare i loro sentimenti?

Se il bambino si comporta diversamente da come i genitori vogliono e si aspettano, di solito cercano prima di cambiare il comportamento del bambino. Intensificano i loro sforzi. Per esempio, se il bambino non soddisfa le aspettative della scuola, si esercitano sempre di più con il bambino e più tardi prenotano anche delle lezioni private. Fare sempre di più della stessa cosa, tuttavia, di solito non è utile - come lo psicologo Paul Watzlawick ha già sottolineato nella sua Guida all'infelicità. Comporta anche il pericolo di mettere a dura prova la relazione con il bambino, perché il bambino è sempre più sotto pressione.

Come possono i genitori affrontare le aspettative in modo significativo?

Le aspettative non sono leggi di natura. Questo significa che i genitori possono metterli a fuoco in una certa misura per prenderne coscienza. Questo dà loro la possibilità di riflettere su di essi e di trarre delle conclusioni. Per esempio, possono concludere che è utile cambiare le aspettative perché si rendono conto che non sono particolarmente utili. Tuttavia, dire addio alle idee radicate può essere un processo doloroso e causare dolore prima di essere liberatorio.

Un esempio: la madre o il padre fa diverse ore di compiti con il bambino ogni giorno, in modo che il bambino soddisfi le aspettative della scuola. Il bambino resiste a questo. Anche se l'umore si abbassa, all'inizio va avanti ogni giorno. Dire addio alle aspettative del bambino può far sì che il genitore decida di smettere di supervisionare i compiti a casa. O di far fare i compiti al bambino da un'altra parte. O di considerare un cambio di scuola. Così facendo, i genitori non solo rinunciano alle idee, ma guadagnano anche qualcosa. Perché la relazione con il bambino è chiaramente sollevata.

Cosa si aspettano i bambini dai loro genitori?

I bambini dovrebbero potersi aspettare che i genitori permettano loro di fare le loro esperienze e di andare per la loro strada, secondo la loro età. Nella nostra società, ai bambini è concesso il diritto allo sviluppo individuale. Ma naturalmente i genitori hanno anche una funzione di accompagnamento e di protezione. Non è facile accogliere il desiderio di autonomia del bambino da un lato e proteggerlo dal pericolo dall'altro. Tutti i genitori sentono questa tensione.

Cosa possono fare i genitori se il bambino li ignora?

Soprattutto durante la pubertà e l'adolescenza, il rapporto tra genitori e figli è talvolta molto teso. Una rottura assoluta del contatto porta a gravi ferite da entrambe le parti. Ha più senso ridurre il contatto, ma lasciare la porta aperta. Se il bambino interrompe il contatto, i genitori sono in una brutta situazione. Hanno un profondo desiderio di avere un contatto con il bambino, ma questo non può essere forzato. Tuttavia, hanno delle possibilità di azione. Possono fare inviti e offerte che danno al bambino la possibilità di accettarle volontariamente.

La persona:

Il Dr. René Hess, psicologo specializzato in psicoterapia e psicoterapeuta, gestisce il suo studio di consulenza sistemica, terapia e supervisione a Berna. È anche il direttore e fondatore del Systemic Institute Bern.