Facebook Pixel
Vita

"A un certo punto puzza per tutti": essere matrigna è una sfida

La matrigna è spesso presa tra due feci. Il nuovo marito è ancora la proprietà emotiva dell'ex, mentre i suoi figli fanno strada. L'autrice Susanne Petermann spiega come trovare un posto nella famiglia del patchwork.

Essere matrigna è una sfida

Una matrigna non ha sempre vita facile nella nuova famiglia. Foto: NADOFOTOS, iStock, Thinkstock

Signora Petermann, lei tratta intensamente il tema della "matrigna". Hai scritto un libro sulla tua situazione particolare e hai creato un blog matrigna su internet. In quale situazione vive la maggior parte delle matrigne?

Susanne Petermann: La maggior parte delle donne sono matrigne part-time o nel fine settimana, in molti casi una volta alla settimana e ogni due settimane per un intero fine settimana. Se non hai ancora figli, è una vera sfida. Quasi madre adottiva o bambinaia senza formazione.

Cos'è che rende speciale la vita di una matrigna?

Se ti innamori di un uomo con figli, non lo hai tutto per te. Anche all'inizio della relazione, manca la tranquilla fase di infatuazione, in cui altre coppie si accoccolano così meravigliosamente nei fine settimana. Arrivano i figli del partner. Una matrigna deve prima trovare il suo posto in questa costellazione. Sono presenti anche i suoi figli, il suo ex, il nuovo marito dell'ex, forse gli avvocati o l'ufficio di assistenza ai giovani.

La matrigna ha difficoltà a trovare un posto nella famiglia?

Tuttavia, questo spesso non è facile! Immaginate la seguente immagine: Il padre è stato separato dalla madre della sua figlia ormai pubescente per un po' di tempo. Nei fine settimana che padre e figlia hanno trascorso insieme da allora, la ragazza sedeva sul sedile del passeggero della sua auto. Ora che il padre si è innamorato, anche il nuovo partner vuole entrare. E poiché la ragazza - come al solito - si siede accanto al padre, la donna rimane solo sul sedile posteriore. La matrigna vuole prendere il posto al fianco del suo compagno, ma è occupato.

Non si possono chiarire in anticipo queste situazioni di conflitto?

Non credo. Perché le persone non sono consapevoli dei propri bisogni e delle proprie preferenze per molto tempo, finché qualcuno non li supera. L'altro giorno ho avuto al telefono una matrigna che si lamentava che le figlie del suo compagno hanno modi diversi di comportarsi. Per esempio, le ragazze bevono il latte da un cartone e usano qualsiasi asciugamano in bagno, così nessuno ha il proprio. Per la matrigna, invece, è sempre stato del tutto naturale e importante bere il latte da un bicchiere e asciugarsi in bagno sul proprio asciugamano. Purtroppo, nessuno ha ascoltato le sue obiezioni e le sue richieste di cambiamento. Finché i suoi confini non sono stati superati, non sapeva nemmeno quanto fossero importanti per lei.

Questo suona come un controllo straniero ...

Ogni matrigna ha i suoi problemi individuali, ma tutte le matrigne hanno una cosa in comune: spesso si sentono controllate dagli altri. I loro fine settimana sono modellati dal ritmo delle visite dei bambini. Una matrigna spesso non può nemmeno organizzare liberamente il "fine settimana senza figli" perché la madre e l'ex-partner vogliono o devono rimandare improvvisamente gli appuntamenti. Spesso è lei a decidere quando il bambino può andare in vacanza con papà: eventualmente il bambino decide poi dove andare.

Come influiscono questi problemi sulla relazione di coppia?

Questi problemi devono essere risolti, ma molti uomini tendono a nascondere la testa sotto la sabbia. Hanno la coscienza sporca nei confronti dei loro figli a causa della separazione e vogliono compensare il fine settimana dei bambini per quello che altrimenti si perdono. Si suppone che sia armonioso. La matrigna deve poi fare buon viso a cattivo gioco. Questo funziona altrettanto bene come mettere semplicemente i piatti sporchi sotto il lavandino invece di lavarli. Ad un certo punto, la cosa puzza per tutti.

E il mondo emotivo è scosso ...

Molte donne non si sentono comprese, soffrono in silenzio e dubitano di se stesse. Non passa giorno senza che una matrigna mi contatti - piena di gioia per il fatto che attraverso il mio blog ha trovato qualcuno che sa cosa sta succedendo dentro di lei. Ancora e ancora, le donne dicono con sorpresa e sollievo: "Non sapevo nemmeno che quello che sto provando è del tutto normale!" Le matrigne hanno sentimenti ambivalenti. Da un lato, hanno molta comprensione per i sentimenti del bambino o dei bambini, vogliono essere premurosi. Tuttavia, nel tentativo di reprimere i propri sentimenti, crescono rabbia, risentimento e insoddisfazione. La comprensione è vista come un segno di essere una "buona matrigna"; quando è arrabbiata e risentita, viene subito vista come una "matrigna cattiva". Nessuna donna vuole essere così. Ma anche i suoi bisogni sono importanti.

Che consiglio darebbe a una nuova matrigna?

Non aspettatevi una scena hollywoodiana! Anche se si va d'accordo come matrigna, è sempre complicato. Molte matrigne mi dicono che vivono un rapporto bello e amorevole con il loro partner. "Ma quando litighiamo, è per i bambini", sento dire ancora e ancora. "È lì che volano le scintille, è lì che si entra nel vivo". Siate reattivi con i bambini. Ma non lasciare che tu sia l'unico responsabile! Se una matrigna deve sempre badare ai bambini da sola nel fine settimana perché il suo compagno sparisce per una partita di calcio, consiglio di sparare un vero colpo di avvertimento. Allora parlare da soli non servirà più. Bisogna scuotere un tale scansafatiche.

Come può la matrigna trovare un posto nella famiglia patchwork?

Molte persone dicono: "Si risolverà". In un certo senso, questo è vero, perché ci vuole tempo perché una famiglia patchwork cresca insieme. Tuttavia, i problemi raramente cambiano da soli. Prima di andare a vivere insieme, ha senso avere un momento di calma nell'appartamento, lasciarsi andare e cercare una risposta alla domanda: Cosa vorrei cambiare di più? Se la risposta è "Tutto!", è meglio rimandare il trasferimento insieme o cercare un nuovo appartamento insieme - allora le carte saranno rimescolate. Ma anche se c'è poco di cui lamentarsi, i cambiamenti dovrebbero essere affrontati con attenzione. Una matrigna si rende rapidamente impopolare con una situazione precipitosa.

Come si fa a conciliare i propri figli e figliastri?

In generale, raccomando: "Casa mia, regole mie!" I bambini lo capiscono. Ma i figliastri possono essere abituati a regole diverse da quelle dei propri figli. È difficile per loro dover improvvisamente seguire regole completamente nuove con papà perché è quello che vuole la matrigna. Ma se si permette loro di fare più dei propri figli, ci saranno anche dei problemi. È qui che un compromesso reciprocamente concordato ha senso. "I tuoi fratellastri arriveranno nel fine settimana, quindi faremo nuove regole. Sapete che hanno il permesso di stare alzati più tardi di voi. Ci incontreremo nel mezzo. Tu puoi stare alzato fino a tardi, loro vanno a letto un po' prima del solito". In questo modo, nessuno si sente escluso.

Dove può trovare aiuto una matrigna?

Non ci sono centri di consulenza esplicita per le matrigne. Ci sono psicologi specializzati nel tema del "patchwork". Ma è giusto che una donna debba andare da uno psicologo perché ha bisogno di una consulenza sul patchwork? Una matrigna è meglio compresa da altre matrigne. Nel mio blog c'è una lista di contatti, comprese le donne svizzere. Qui nessuno sente: "Sapevi che aveva dei figli, vero?" Il dolore condiviso è metà del dolore. Ci sono anche gruppi di matrigne su Facebook dove si possono scambiare informazioni.

Ci sono anche lati belli nell'essere matrigna?

Certo! I figli del marito possono essere un vero arricchimento. Conosco molte donne che dicono che gli è stato "dato" un figlio. Con lui, la matrigna precedentemente senza figli sperimenta il mondo ancora una volta attraverso gli occhi dei bambini. E la matrigna, che è una madre lei stessa, vede come i bambini si ritrovano e diventano fratellastri. Inoltre, un padre responsabile è spesso molto più adatto come partner del "lupo solitario".

Autore Susanne Petermann

La persona:

Nel suo blog, Susanne Petermann offre spunti sulla vita e sui problemi particolari della seconda moglie di un padre. Inoltre, ha sviluppato una lista di contatti di matrigne con l'aiuto della quale organizza i contatti tra le matrigne.

Suggerimento per il libro:

"Non hai niente da dirmi! Essere matrigna non è da codardi" di Susanne Petermann. Il libro è stato pubblicato da Diana Verlag nel 2015.