Facebook Pixel
Vita

Finanze nel matrimonio: a chi appartiene il denaro?

Quando una coppia si sposa, deve pensare a come finanzierà la sua vita insieme. Questo perché la legge non prescrive nulla per i coniugi. Contiene solo alcune regole di base sulle finanze nel matrimonio, che l'avvocato Markus Krapf vi spiegherà.

Una donna prende i soldi dalla tasca del marito: le coppie devono parlare delle loro finanze nel matrimonio.

Le finanze nel matrimonio sono un grande punto di discussione. Foto: PeopleImages, Getty Images

Secondo l'idea del legislatore, i coniugi dovrebbero ciascuno contribuire alla comunità al meglio delle loro capacità. Da questo deriva il dovere di mettere il denaro del matrimonio al servizio della comunità, in modo che i bisogni di tutti i membri della famiglia possano essere soddisfatti.

I coniugi decidono insieme se vogliono mantenere un alto tenore di vita e spendere tutte le risorse finanziarie disponibili per esso, o se vogliono risparmiare. Determinano insieme quali priorità saranno stabilite per le finanze nel matrimonio; per esempio, se compreranno una seconda auto o se spenderanno i soldi per le vacanze.

È importante che marito e moglie abbiano una parte uguale nel tenore di vita una volta scelto. Il coniuge che guadagna non può quindi scambiare l'altro per finanziare uno stile di vita dissipato per se stesso. L'altro non ha solo diritto alla paghetta, ma ad una somma a sua libera disposizione con la quale può anche permettersi qualcosa, per esempio, per perseguire un hobby .

I beni del matrimonio sono soggetti al regime patrimoniale della divisione dei beni acquisiti

Per quanto riguarda i beni, i coniugi vivono automaticamente sotto il regime patrimoniale di proprietà comune, a meno che non abbiano concordato la comunione dei beni o la separazione dei beni in un contratto di matrimonio. Durante il matrimonio, il regime patrimoniale non ha alcuna influenza sui rapporti patrimoniali della coppia. La legge prevede che ogni coniuge usi e gestisca i suoi beni in modo indipendente. Il matrimonio quindi non comporta che tutto ciò che appartiene all'uno appartenga anche all'altro. Questo si applica sia ai beni che un partner aveva all'inizio del matrimonio sia a quelli salvati durante il matrimonio. Tuttavia, in caso di divorzio, marito e moglie devono dividere i beni che hanno risparmiato durante il matrimonio. I beni che hanno portato nel matrimonio, ereditato o ricevuto come regali non devono essere divisi.

Il fatto che ogni coniuge sia l'unico proprietario dei suoi beni e li usi da solo significa che uno non deve rendere conto all'altro dell'uso dei beni. Così il marito può decidere da solo se preferisce investire la sua eredità in titoli o in beni immobili. Allo stesso modo, la moglie può comprare un'auto sportiva con i soldi che ha risparmiato dal suo stipendio.

Non c'è nessun obbligo di salvare o preservare i beni esistenti. Se un partner decide di finanziare un hobby costoso con la sua eredità, l'altro non può vietarglielo.

Finanze nel matrimonio: la legge protegge il coniuge finanziariamente più debole

La legge contiene almeno alcune misure di protezione riguardanti le finanze nel matrimonio. Proteggono il coniuge finanziariamente più debole dall'arbitrio dell'altro. Ogni coniuge può chiedere informazioni all'altro sul suo reddito, i suoi beni e i suoi debiti.

Il marito o la moglie non possono rescindere un contratto d'affitto o vendere la casa in cui vive la famiglia senza il consenso dell'altro. Questo impedisce al coniuge proprietario di sfrattare l'altro dalla casa familiare in caso di crisi, vendendo la casa.

Inoltre, nessun coniuge può decidere da solo sui beni che appartengono ai coniugi in comune. La legge richiede anche il consenso dell'altro coniuge per certe transazioni, per esempio per il pagamento in contanti della prestazione d'uscita della previdenza professionale o per la conclusione di una garanzia.

Se, al primo segno di crisi, il marito comincia a sperperare il denaro che ha risparmiato dal matrimonio in modo che la moglie riceva il meno possibile nel divorzio, il credito della moglie è calcolato come se i beni fossero ancora lì. Così, la Corte suprema federale ha recentemente aggiunto al patrimonio esistente il mantenimento che un marito ha pagato alla sua nuova fidanzata durante il matrimonio esistente.

Debiti coniugali

Per quanto riguarda i debiti, vale in linea di principio lo stesso che per il patrimonio: ogni coniuge risponde solo dei suoi debiti e solo con il suo patrimonio. Pertanto, se il marito firma il contratto di leasing per l'auto da solo, la moglie non può essere ritenuta responsabile delle rate di leasing.

La legge si discosta da questo principio in un'area. Se un coniuge contrae un debito per le necessità quotidiane, l'altro è responsabile in solido, anche se non ha stipulato il contratto. I bisogni quotidiani includono, per esempio, la spesa, i libri per i bambini o l'assicurazione sanitaria, ma non l'affitto, il mutuo per la casa di famiglia o il prestito per comprare un'auto, anche se entrambi i coniugi la guidano. Poiché i debiti per le necessità quotidiane sono di solito piccole somme che vengono pagate immediatamente, non succede quasi mai che l'altro coniuge sia chiamato in causa per un tale debito.

Testo: Markus Krapf nel gennaio 2015

Dr. iur. Markus Krapf è avvocato e specialista in diritto di famiglia SAV presso lo studio legale "Sintzel, Hüsler, Krapf, Herzog" di Zurigo. Accompagna i clienti nelle procedure di divorzio o elabora accordi con entrambi i coniugi sulle conseguenze del divorzio.

Ulteriori informazioni sullo studio legale: www.shkh.ch