Facebook Pixel
Vita

I gatti hanno 7 vite - Tutto solo un mito?

I gatti hanno 7 vite, come dice il proverbio. Infatti, i robusti piccoli cacciatori si muovono abilmente su tutti gli ostacoli. Scoprite qui cosa è mito e cosa è verità sul vecchio detto!

Le 7 vite dei gatti - Cosa c'è dietro?

Gli audaci gatti sopravvivono indenni a quasi tutti i salti. (Foto: Erlobrow/Thinkstock, iStock)

Ci sono molti proverbi sul gatto. Uno dei più noti è che si dice che i gatti abbiano sette vite, perché non è raro che questi compagni dai piedi di velluto ci stupiscano con la loro quasi incredibile capacità di sopravvivere alle cadute. I ricercatori suppongono quindi che il detto abbia avuto origine perché anche i gatti sopravvivono a incidenti tutti interi che finirebbero tutt'altro che bene per gli umani. Ma anche le vecchie idee magiche sembrano giocare un ruolo nella credenza delle 7 vite del gatto.

I gatti hanno 7 vite - o ce ne sono addirittura 9?

Le origini del proverbio si trovano nell'oscurità della storia. Nei secoli precedenti, la gente non sapeva come spiegare perché i gatti atterrassero sempre sulle loro zampe. Inoltre, la loro locomozione silenziosa e i loro occhi che brillano nella notte a volte li fanno sembrare quasi degli esseri soprannaturali. L'idea che le zampe di velluto, a differenza degli umani, abbiano più di una vita era quindi ovvia.

Non è nemmeno un caso che sono 7 vite, tra tutte le cose, ad essere attribuite ai gatti. Anche nei primi tempi cristiani, il 7 era un numero speciale, come si può vedere nei 7 sacramenti, i 7 peccati capitali e le 7 virtù. Questo numero ha un significato magico soprattutto perché nel simbolismo numerico medievale era visto come una combinazione della terra con i suoi 4 punti cardinali. Ma il 7 era anche un numero fortunato per gli antichi popoli germanici, ed è per questo che appare in molte fiabe tradizionali.

Solo nel mondo anglofono la situazione è un po' diversa. I gatti non hanno 7 vite, ma 9. Presumibilmente questo è dovuto alla particolare storia delle isole britanniche. Il numero 9 era già sacro per i Celti, perché per loro simboleggiava l'universo. E il 9 ha anche giocato un ruolo importante nella mitologia dei Vichinghi, che più tardi colonizzarono gran parte dell'Inghilterra. Purtroppo, né 7 né 9 vite erano sufficienti per i gatti nel Medioevo, quando venivano perseguitati senza pietà come presunti familiari del diavolo.

I gatti sono artisti della sopravvivenza

Già nei secoli precedenti, la gente poteva naturalmente osservare che i gatti possono padroneggiare sfide straordinarie. Naturalmente, è particolarmente impressionante che anche il più poco appariscente Büsi possa cadere da grandi altezze e rimanere comunque illeso. Solo pochi anni fa, gli scienziati hanno scoperto perché i gatti possono atterrare sulle loro zampe e recuperare rapidamente anche dopo le ferite.

Leregistrazioni ad alta velocità lo rivelano: quando un gatto cade, si trasforma automaticamente. Nel processo, il cosiddetto riflesso di posizionamento assicura, attraverso movimenti opposti della parte anteriore e posteriore del corpo, che possa atterrare con le zampe senza problemi. Le loro articolazioni flessibili possono anche ammortizzare bene l'impatto. Questo non significa, tuttavia, che il vostro bufalo rimarrà illeso in ogni caso. Soprattutto se non c'è abbastanza tempo per girare o il terreno non è chiaro, i gatti possono anche subire gravi ferite.

Ma i gatti sono ancora oggi un po' misteriosi. Anche quando si feriscono, di solito si riprendono molto più velocemente degli umani. Portano in sé il potere di guarigione necessario. Le loro fusa uniche non solo diffondono un umore piacevole, ma la loro frequenza assicura anche che le ossa rotte e altre ferite guariscano rapidamente. Anche gli umani sperimentano questo effetto quando un gatto che fa le fusa è vicino a loro. Quindi coccola ancora il tuo gattino - fa bene alla tua salute!

Maggiori informazioni su: Come invecchiano i gatti.

(Creato da Red.)