Facebook Pixel
Vita

Protezione della maternità: i vostri diritti in Svizzera

Alcune condizioni di lavoro non possono essere pretese da una dipendente durante la gravidanza e dopo il parto. Diverse leggi, come il codice del lavoro o la legge sull'uguaglianza di genere, proteggono quindi le lavoratrici incinte o le madri che allattano. Qui troverete una breve spiegazione dei diritti che vi spettano durante il congedo di maternità in Svizzera.

In Svizzera esiste una protezione della maternità per le donne incinte e le giovani madri.

Le giovani madri hanno diversi diritti durante e dopo la gravidanza. Foto: Stígur Már Karlsson /Heimsmyndir, E+, Getty Images Plus

I fatti più importanti in poche parole:

Il datore di lavoro non può licenziare le donne incinte e le madri con un bambino fino a 16 settimane dopo la fine del periodo di prova. Questo vale solo se hanno un contratto di lavoro permanente. Le donne incinte e le giovani madri, invece, possono interrompere il rapporto di lavoro in qualsiasi momento. Tuttavia, devono rispettare i limiti di tempo.

Laprotezione della maternità in Svizzeraprevede che una donna non possa essere discriminata perché è incinta. Non assumere una donna perché può rimanere incinta è una discriminazione ed è proibito. Non è necessario rispondere alle domande "Vorrebbe avere figli?" o "È incinta?" in un colloquio di lavoro.

Tuttavia, se vuoi lavorare con sostanze tossiche o fare altri lavori che potrebbero danneggiare la tua salute e quella del tuo bambino non ancora nato, è importante essere onesti con il tuo datore di lavoro. In questo modo, lui o lei può prendere misure di protezione in tempo o sollevarvi da un lavoro pericoloso.

Protezione della maternità: i vostri diritti sul lavoro durante la gravidanza

Tempo di lavoro

Come donna incinta, può lavorare un massimo di nove ore al giorno. La legge sulla protezione della maternità stabilisce che le donne in attesa non possono essere costrette a lavorare senza il loro consenso. Un'ordinanza della legge sul lavoro dice anche: "Le donne incinte e le madri che allattano devono potersi sdraiare e riposare in condizioni adeguate". Lo si può fare, per esempio, su un comodo divano in una sala di riposo.

Le donne incinte che normalmente lavorano di notte tra le 8 di sera e le 6 del mattino possono chiedere al loro datore di lavoro di lavorare durante il giorno. A partire dall'ottavo mese di gravidanza, una donna incinta non può più lavorare tra le 20 e le 6 del mattino. Il suo datore di lavoro deve offrirle un lavoro diurno alternativo. Se questo non è possibile, non deve fare il lavoro notturno e ha diritto all'80 per cento del salario.

Lavoro pericoloso o arduo

La protezione della maternità prevede che la vostrasalute durante la gravidanza sia protetta dal codice del lavoro. Per esempio, le madri in attesa non sono autorizzate a svolgere lavori pericolosi e faticosi se potrebbero compromettere la loro salute e quella del nascituro. Uno specialista deve verificarlo effettuando una valutazione dei rischi. Possono essere coinvolti i seguenti lavori ardui o pericolosi:

  • Spostamento di carichi pesanti a mano. Portare regolarmente scatole di cartelle che pesano più di cinque chili - una donna incinta non deve più farlo dopo il settimo mese.
  • Movimenti che portano rapidamente alla fatica. Non ci si deve aspettare che una donna incinta si accovacci per tutto il tempo. Le donne che lavorano in piedi per la maggior parte del tempo hanno diritto per legge a un riposo giornaliero di dodici ore a partire dal quarto mese. Sono anche autorizzati a fare una pausa di dieci minuti dopo ogni seconda ora. Dopo il sesto mese, possono lavorare in piedi solo per quattro ore al giorno. Per il resto del tempo di lavoro, deve essere offerto loro un lavoro alternativo, per esempio, in posizione seduta. Anche i lavori che espongono la donna a scosse e vibrazioni non sono da aspettarsi da lei.
  • Lavorare al freddo sotto i -5°C, al caldo sopra i 28°C e in condizioni di umidità.
  • Lavoro in cui i lavoratori sono esposti a sostanze nocive, radiazioni o rumore.
  • Lavorare in un sistema di turni che mette a dura prova il corpo. Non può lavorare più di tre turni di notte di seguito.

Il datore di lavoro deve, per quanto possibile, proporre un lavoro alternativo equivalente o prendere misure di protezione in caso di lavoro inaccettabile per le donne incinte. Se questo non è possibile, la donna incinta ha il diritto di rimanere a casa e ha diritto all'80 per cento del suo salario.

Incapacità di lavorare

La protezione della maternità in Svizzera prevede per legge che le donne in attesa possano rimanere a casa o andare a casa se avvisano il loro datore di lavoro. Se una donna incinta rimane lontana dal lavoro per più di due mesi, il datore di lavoro è autorizzato a ridurre le sue vacanze.

La donna non ha diritto al suo salario per il tempo in cui non lavora. Lo riceve solo se non sta bene e può fornire un certificato medico. "Come in caso di malattia o incidente, il datore di lavoro deve pagare alla lavoratrice incinta il suo salario per un periodo limitato se non va al lavoro a causa della sua gravidanza", scrive la Segreteria di Stato per gli Affari Economici.

Solo se la donna è impossibilitata a lavorare per motivi di salute, sia a causa dell'influenza o di disturbi legati alla gravidanza, può richiedere i benefici. Di regola, si ha diritto al pagamento continuato del salario per tre settimane durante il primo anno di lavoro. Questo periodo si prolunga se si è impiegati per un periodo di tempo più lungo.

Il salario viene pagato solo se la donna incinta è impiegata a tempo indeterminato e ha lavorato per almeno tre mesi o se è stato concordato un periodo di preavviso di tre mesi.Altrimenti, nel caso di un contratto a tempo determinato, devono essere dati almeno tre mesi di preavviso prima che la donna incinta possa ricevere il salario.

Protezione della maternità: i vostri diritti dopo il parto

Una madre non può lavorare fino a otto settimane dopo la nascita del suo bambino. Durante il congedo di maternità in Svizzera le è vietato lavorare. Dalla nona alla sedicesima settimana, può lavorare solo con il suo consenso. Come durante la gravidanza, fino alla 16a settimana dopo il parto, avete il diritto di astenersi dal lavoro notturno e di chiedere un lavoro equivalente durante il giorno.

Ilcongedo di maternità è una novità dal luglio 2005. Per 14 settimane dopo la nascita del tuo bambino, ti è permesso di rimanere a casa e hai diritto a un'indennità di maternità pari all'80 per cento del tuo salario, fino a un massimo di 196 franchi svizzeri al giorno.

Il congedo di maternità deve essere preso tutto d'un fiato.Il presupposto per il congedo è che lei sia stata assicurata presso l'AVS per nove mesi prima del parto e che abbia lavorato almeno cinque mesi prima del parto.

Allattamento al seno sul posto di lavoro

Una speciale protezione della maternità si applica alle donne che allattano. Possono lavorare solo un massimo di nove ore al giorno. Come durante la gravidanza, le madri possono esigere di non dover fare lavori faticosi o pericolosi. Deve essere offerto loro un lavoro alternativo o hanno diritto all'80 per cento del loro salario. Le madri che allattano al seno possono anche sdraiarsi e riposare.

Il suo datore di lavoro deve concederle del tempo per allattare. Fino al primo compleanno del tuo bambino, il tempo che passi ad allattare il tuo bambino o a spremere il latte conta come tempo di lavoro. Se lavora fino a quattro ore al giorno, almeno 30 minuti di allattamento devono essere contati come tempo di lavoro pagato; se lavora più di quattro ore, 60 minuti; se lavora più di sette ore, almeno 90 minuti.

Ulteriori informazioni sulla protezione della maternità in Svizzera

  • L'organizzazione mantello dei dipendenti "Travail.Suisse" ha preparato importanti informazioni sul tema della maternità su www.infomutterschaft.ch.
  • Scarica l'opuscolo informativo "Maternità - Protezione dei lavoratori" dalla Segreteria di Stato per gli Affari Economici su www.seco.admin.ch